Feb 27, 2020 Last Updated 10:50 AM, Feb 25, 2020

Sanità, Sileri: “Al lavoro per garantire trattamento omogeno dei celiaci in tutte le regioni”

“Con il decreto ministeriale del 10 agosto 2018 si è intervenuti anche nella revisione degli alimenti senza glutine inseriti nel registro nazionale”. Lo ha sottolineato il viceministro alla Salute Pierpaolo Sileri rispondendo oggi in commissione Sanità al Senato all’interrogazione parlamentare presentata dall’onorevole Paola Boldrini. “L’esigenza di tale revisione, pertanto, era conosciuta e condivisa nei termini in cui è stata effettuata sia dall’Associazione italiana celiachia (Aic), che dagli operatori del settore – ha specificato Sileri -. L’obiettivo perseguito è stato quello di mantenere l’erogabilità dei soli ex prodotti dietetici, cioè i sostituti degli alimenti tradizionali caratterizzati dalla presenza di cereali gluteinati, quali in particolare pane, pasta e pizza che hanno sempre rappresentato il riferimento esclusivo dei prodotti erogabili ai celiaci”. Il viceministro ha proseguito spiegando che “alcune Regioni consentono l’acquisto dei prodotti nella Gdo e nei negozi specializzati, mentre altre hanno ‘dematerializzato’ il sistema”. Ma “la difformità organizzativa a livello regionale, oltre a creare disparità di trattamento – ha evidenziato Sileri -, rappresenta un ostacolo alla libera concorrenza, che invece permette una riduzione fisiologica dei prezzi. Allo scopo di pervenire a una situazione uniforme a livello nazionale riguardo alle modalità di erogazione, nonché per assicurare la possibilità di acquistare i prodotti anche al di fuori delle farmacie e della Regione di residenza, è stato istituito un ulteriore Gruppo di lavoro, con la partecipazione di rappresentanti delle Regioni e delle Province autonome, per concordare soluzioni condivise e omogenee”.

Speranza: «Sblocco fondi per carriera camici bianchi e stabilizzazione ricercatori per fermare ‘esodo’ all’estero»

«I nostri medici e professionisti sanitari devono essere valorizzati al meglio. In tanti scelgono purtroppo di andare all’estero. Per contrastare questo esodo, e per motivare i nostri camici bianchi, nel decreto “Milleproroghe”, pubblicato il 31 dicembre, abbiamo ottenuto il via libera ai fondi accessori (RIA) e nuovi percorsi di stabilizzazione per i ricercatori degli Irccs e degli Izs. Ora questi fondi potranno essere utilizzati per i nostri medici, veterinari, dirigenti sanitari e dirigenti delle professioni sanitarie, per migliorare la carriera dei più giovani e per retribuire meglio le condizioni di disagio lavorativo. Anche così rendiamo più forte il Servizio Sanitario Nazionale e tuteliamo la salute di tutti». Queste le parole del ministro della Salute, Roberto Speranza, sui provvedimenti varati negli ultimi giorni del 2019.

 

Fonte: Ufficio Stampa del Ministero della Salute

 

 

Speranza, "Buon compleanno Ssn, oggi diventa Legge abolizione superticket"

"Buon compleanno al Servizio sanitario nazionale, nato con la Legge 833 del 23 dicembre 1978. Oggi diventano Legge l’abolizione del superticket, il più grande aumento del Fondo sanitario nazionale degli ultimi anni e tutte le misure destinate ad assumere medici, infermieri e personale. Così sosteniamo e rafforziamo il nostro Ssn e tuteliamo il Diritto alla Salute sancito dalla nostra Costituzione". Lo afferma il ministro della Salute, Roberto Speranza in occasione del 41^ anniversario dell'istituzione dell'Ssn.

Fonte: Ufficio Stampa del Ministero della Salute