Sep 24, 2018 Last Updated 3:22 PM, Sep 21, 2018

Accademia dei Musici: il bilancio del Presidente Veneri

Visite: 91 times

Fabriano, in provincia di Ancona, è nota soprattutto per la sua storica cartiera, ma la carta non è l'unica eccellenza della cittadina marchiagiana. Dal 2012 è infatti attiva l'Accademia dei Musici, prestigiosa associazione culturale fondata dai fratelli Claudio e Valerio Veneri. Proprio quest'ultimo ha tracciato il bilancio dell'Accademia di cui è Presidente.

Presidente, come è nata a Fabriano Accademia dei Musici?

Io, insieme a mio fratello Claudio, che è la figura musicale di riferimento, abbiamo creato l' ACCADEMIA MUSICALE EUROPEA, il  MUSEO DEL PIANOFORTE STORICO E DEL SUONO, il LABORATORIO DI RESTAURO PIANOFORTI STORICI, AdM come ETICHETTA DISCOGRAFICA ed EDITORIA MUSICALE.

Tutto ciò è stato realizzato con una collezione di pianoforti antichi, di nostra proprietà, energie, lavoro, impegno sia economico che intellettuale, arredamenti, allestimenti, organizzazioni, tutto con nostre forze personali nella meravigliosa sede del San Benedetto, messa a disposizione dal Comune di Fabriano, grazie alla Amministrazione Sorci.

Colgo l’occasione per ringraziare l’ex sindaco, l’Ing. Roberto Sorci, l’Assessore alla Cultura Prof.ssa Sonia Ruggeri, l’Assessore al Patrimonio Dott. Marco Boldrini: è grazie alla loro lungimiranza se è nata a Fabriano nel Marzo del 2012 Accademia dei Musici, qualificata proprio da quella Amministrazione “vera eccellenza” nel suo genere.

A sei anni dall’inaugurazione, quale è il report delle attività e dei risultati raggiunti?

L’ Accademia Musicale Europea è la mente, la progettualità e ciò che ha realizzato in questi anni potete visualizzarlo nel manifesto che è alle mie spalle.

Il Laboratorio di Restauro Pianoforti Storici è la fucina dell’Alto Artigianato Artistico e rappresenta la base della cultura e del sapere che può essere trasferita nella formazione di giovani restauratori.

In Italia esistono tre di questi laboratori di restauro: a Firenze, a Fabriano, a Palermo, ma gli altri non sono referenziati quanto quello di Accademia dei Musici.

A proposito del nostro Laboratorio, do subito una importante notizia: Accademia dei Musici ha trovato e procurato l’investitore che copre l’intero costo del restauro del pianoforte “Wopaterni – Vienna 1850”, di proprietà del Comune di Fabriano, attualmente presente e inutilizzato al foyer del Teatro Gentile. Attraverso il meccanismo statale del “Art Bonus”, lo sponsor paga il restauro che il Laboratorio di Accademia dei Musici realizzerà al 50% del suo costo effettivo, e lo Stato riconoscerà allo sponsor benefici in sgravi fiscali.

Questa operazione consentirà all’Amministrazione di ottenere una forte valorizzazione del proprio patrimonio, il recupero funzionale di un importante strumento storico che si iscrive nella grande tradizione lirica della Città, oltre a rappresentare una ulteriore possibilità di utilizzo per tutte le forze musicali di Fabriano e la possibilità di creare un evento ad hoc nelle Celebrazioni del prossimo anno, che vede Fabriano protagonista con l’UNESCO.

Tutto ciò senza alcun costo per la Collettività e per l’Ente.

Per i risultati del Museo, possiamo comunicare il dato che il Museo del Pianoforte Storico e del Suono ha attratto a Fabriano circa 20.000 persone in sei anni, di cui ben 3.000 solo negli ultimi 4 mesi grazie al lavoro di incoming svolto dalla Coop. Grafica & Infoservice, incaricata da Accademia dei Musici: 40% sono gruppi scolastici, 20% sono singoli visitatori, il restante 40% è costituito da gruppi turistici nazionali ed internazionali.

Sul sito di “Tripadvisor” potrete leggere solo commenti entusiastici ed una classifica per cui il Museo del Pianoforte Storico e del Suono risulta Primo Museo di Fabriano, Primo Museo su 73 Musei provinciali, Primo su 465 Musei Specializzati delle Marche (a pari merito con il Museo del Cinema di Montecosaro) e Quinto su 1885 attrattività della Regione, incredibilmente, e lo diciamo con meraviglia, dietro di noi al sesto posto, le Grotte di Frasassi.

Quindi l’Accademia ha lavorato anche per la Città di Fabriano ed il suo Territorio?

Sì, tutto questo Accademia dei Musici, con orgoglio, lo ha realizzato sia per sé stessa che per la Città che la ospita…ed è vero, che tutte le Associazioni Culturali possono fare propria una simile affermazione ma, nel nostro caso, possiamo asserire con dati e riscontri oggettivi cosa abbiamo prodotto in termini di immagine culturale ed artistica, per la Città.

Accademia dei Musici ha dotato la Città di Fabriano di un Museo unico in Europa! Di un Laboratorio di Restauro unico in Italia! Di un programma di Corsi di Musica Scienza Tecnologia che sta entrando nell’offerta didattica internazionale di Alta Specializzazione Universitaria; con tutto ciò ha conquistato Ambasciatori prestigiosi come Riccardo Muti presidente Onorario e Piero Angela, Testimonial.

Pertanto, qual è la missione che si è proposta l’Accademia?

Accademia dei Musici si è sempre posta l’obiettivo della Qualità per attrarre presenze nella Città e per portare il nome di Fabriano a livelli nazionali ed internazionali, sempre in ambiti musicali importanti e selezionati.

Ambiti riguardanti la Musica Classica!

Perché Accademia dei Musici tratta di musica classica, che è la più alta affermazione artistica musicale professionale.

La musica classica è una musica riservata agli intenditori?

È sciocco e pretestuoso etichettare la musica classica come musica d’elite e classificare chi vi si dedica come supponente, altezzoso ed arrogante. Criticando e ledendo il mondo professionale, come Rossini scriveva “la calunnia è un venticello…”, non si fa del bene alle realtà amatoriali e dilettantistiche, che di ciò non hanno bisogno poiché queste godono a pieno diritto di grande dignità, che i professionisti certo non negano: sono solo due mondi diversi, ambedue validi! La Musica Classica non è aristocratica! È semplicemente per tutti!

Quale è stata la posizione delle Istituzioni, nei confronti di Accademia dei Musici?

Con professionalità e semplicità Accademia dei Musici si è presentata, attraverso progetti, proposte, programmi ed opportunità che era in grado di offrire e realizzare, alle forze istituzionali ed organizzative della Città: Amministrazioni, Fondazioni, Fabriano Città Creativa UNESCO, ma ha scoperto nel tempo di essere guardata in modo alquanto sfocato e trasparente, per cui è stata per lo più banalmente ignorata e non è mai riuscita ad entrare nei meccanismi veramente importanti della Città.

Però, dobbiamo registrare che Accademia dei Musici è assurta all’onore delle cronache degli ultimi mesi, sui giornali e su un noto programma RAI, addirittura nazionale, perché inadempiente nei confronti del Comune, riguardo alle utenze.

Accademia dei Musici non ha ricevuto in sei anni alcuna sollecitazione dal Comune per questo pagamento e, purtroppo, non ha mai goduto di agi e ricchezze; ha solo fatto fronte da sola e con pochi e sinceri amici sostenitori a titolo personale a tante, a tutte le spese…

Assicurazioni, manutenzioni, manutenzione strumenti, il costo del personale di segreteria, biglietteria, vigilanza, i costi dei pianisti – guide alle visite, i costi degli eventi, le pubblicazioni, i cachet per gli artisti, i costi internet, pubblicità, ospitalità e ricevimento delegazioni straniere, per mantenere il suo progetto.

C’è in atto un contenzioso fra l’Amministrazione e Accademia dei Musici?

Quando la nuova Amministrazione ci ha chiesto un rientro immediato, noi non ci siamo sentiti legittimati a non pagare quanto dovuto, vantando l’importanza di Accademia dei Musici, ma ci siamo sentiti autorizzati a chiedere un aiuto ed una collaborazione, proprio perché riteniamo che Accademia dei Musici sia importante per questa Città. Aiuto che avrebbe implicato un riconoscimento, che non c’è stato! La mancanza del riconoscimento è ciò che ci ferisce. Ora Accademia dei Musici ottempera ai suoi doveri: paga ed è tutto a posto!... come dice il grande Shakespeare “molto rumore per nulla”… se non per ledere fortemente e gratuitamente l’immagine di Accademia dei Musici…

Quale è la funzione sociale dell’Accademia e del suo Museo?

Accademia dei Musici è una Associazione Culturale ed il prodotto che, per suo statuto e vocazione deve creare, è un Prodotto Culturale, che nulla ha a che fare con prodotti commerciali ed economici. A proposito di questo, cito testualmente la definizione di “Museo”, coniata dall’ UNESCO a Seoul nel 2004:

“Il Museo è una Istituzione Permanente, senza scopo di lucro, al servizio della Società e del suo Sviluppo. È aperto al pubblico e compie ricerche che riguardano le testimonianze materiali e immateriali dell’Umanità e del suo ambiente: le acquisisce, le conserva, le comunica e soprattutto, le espone a fini di Studio, Educazione e Diletto”.

Progetti per l’immediato futuro?

Con gioia posso dare una notizia per noi molto importante: Accademia dei Musici, con il suo Museo, partecipa con un suo progetto originale, insieme al R.O.F. – Rossini Opera Festival, alla Regione Marche, al Comune di Pesaro ed al Conservatorio “G.Rossini”, ai festeggiamenti commemorativi dei 150 anni dalla morte di Gioachino Rossini.

Saremo protagonisti di eventi musicali e di un percorso museale di pianoforti storici dedicati a Rossini, ospiti di questa meravigliosa rassegna a Pesaro dal 1°di Luglio al 4 Novembre 2018. Pertanto, informiamo che da Giugno, a Fabriano il Museo risulterà chiuso, perché si trasferisce a Pesaro per questo evento mondiale, che con tanta felicità vogliamo condividere con voi e con tutti i cittadini di Fabriano che, con calore, invitiamo a partecipare all’appuntamento pesarese.