Feb 27, 2020 Last Updated 10:50 AM, Feb 25, 2020

Quotidiano della Salute

25-02-2020 Hits:33

Carnevale, l’allegria scacciapensieri nel centenario di Alberto

Carnevale, l’allegria scacciapensieri nel centenario di Alberto

Un cappellino, un naso rosso, due stelle filanti. Musica, chiacchiere e tanta allegria.Basta poco per festeggiare il Carnevale e gli animatori del Centro Diurno Anziani Fragili, losanno bene. Con la consueta ma...

Leggi tutto

25-02-2020 Hits:42

Coronavirus, Confindustria Dispositivi Medici

Coronavirus, Confindustria Dispositivi Medici

“Accordo di responsabilità tra le imprese per concentrare al massimo la capacità produttiva, tenere i prezzi ai livelli di mercato pre-crisi, garantire la fornitura di dispositivi medici a ospedal...

Leggi tutto

18-02-2020 Hits:106

“Dopo di me”, per aiutare gli anziani e i loro pet

“Dopo di me”,  per aiutare gli anziani e i loro pet

Condividere la propria vita con un compagno a quattro zampe, specie in età avanzata, e avere qualcuno disposto a prendersi cura di questo binomio speciale. È quanto prevede il progetto intitolato “Dopo di me”...

Leggi tutto

18-02-2020 Hits:80

Prendersi cura con professionalità di chi ne ha bisogno

Prendersi cura con professionalità di chi ne ha bisogno

“Valorizzare ogni periodo di vita dell’essere umano, credendo nella dignità come valore assoluto e indiscutibile”.Questo è uno dei pilastri fondativi di COOSS, la Cooperativa Sociale che dal 1979 opera nel te...

Leggi tutto

18-02-2020 Hits:96

“Anni Azzurri” fra luci e colori di festa

“Anni Azzurri” fra  luci e colori di festa

Le Residenze “Anni Azzurri” delle Marche hanno fatto gli auguri ai loro nonnini. Le Strutture (che fanno parte del Gruppo Kos, così come le Strutture “Santo Stefano” per la riabilitazione fisica e funzionale ...

Leggi tutto

18-02-2020 Hits:22

Il trust arriva ad Ancona

Il trust arriva  ad Ancona

Salvare il proprio capitale nella completa sicurezza, legalità e riservatezza, è una questione di… fiducia. E’ di questo che si è parlato durante i tre incontri formativi ad Ancona organizzati dagli esperti d...

Leggi tutto

18-02-2020 Hits:24

Proprietà antiossidanti e antinfiammatorie della mela rosa dei Monti Sibillini certificate da UNICAM

Proprietà antiossidanti  e antinfiammatorie della mela rosa dei Monti Sibillini  certificate da UNICAM

Le qualità dei fitonutrienti della Mela Rosa dei Monti Sibillini, uno dei prodotti gastronomici tradizionali più importanti della Regione Marche e riconosciuto dal 2000 quale presidio Slow Food, sono oramai e...

Leggi tutto

18-02-2020 Hits:25

Cultura della longevità come risorsa

Cultura della longevità come risorsa

L’incontro-workshop della Fondazione Alberto Sordi, al Roma Meeting Center, dedicato a ruoli e responsabilità di tutti coloro che operano per la terza età in ambito sociosanitario, ha riguardato una discussio...

Leggi tutto

18-02-2020 Hits:23

Nuovo device per TGR

Nuovo device per TGR

La società bolognese di montascale “su misura” chiamata ad appuntamenti internazionali Un anno d’importanti passi avanti e grandi prospettive per la TGR di Bologna, la società che abbiamo conosciuto per il “...

Leggi tutto

18-02-2020 Hits:23

L’Ozono-innovazione tecnologica è Sorazon

L’Ozono-innovazione tecnologica è Sorazon

Si chiama Sorazon ed è un apparecchio che emette unità terapeutiche infiltranti non invasive, non a contatto, a tripla azione, ad onde soniche pressorie, a radiofrequenza con campo elettromagnetico ionizzante...

Leggi tutto

18-02-2020 Hits:31

Gluten free vittima della burocrazia

Gluten free vittima della burocrazia

Riportiamo e commentiamo un articolo de La Gazzetta del Mezzogiorno con due intendimenti. Primo, ricordare a tutti coloro che banalizzano, minimizzano e prendono sotto tono, a volte scherzando o ridendo su si...

Leggi tutto

18-02-2020 Hits:28

Frappe, chiacchiere e dintorni

Frappe, chiacchiere  e dintorni

Le feste non finiscono mai…. Appena lasciate sul tavolo le briciole di panettoni e torroni ci tuffiamo a capofitto nel carnevale, festa breve ma goliardica dove maschere in costume si muovono in tutta Italia ...

Leggi tutto

18-02-2020 Hits:58

Ma allora l’olio di palma?

Ma allora l’olio  di palma?

Cos’èL’olio del frutto della palma e l’olio di semi di palma sono degli oli vegetali, prevalentemente costituiti da trigliceridi con alte concentrazioni di acidi grassi saturi, ricavati dalle palme da olio, pri...

Leggi tutto

18-02-2020 Hits:28

Il teatro… che fa bene

Il teatro… che fa bene

Esiste un impegno civico nel mondo del teatro che si attua anche e soprattutto attraverso messaggi e contenuti di ampia divulgazione, capace di creare momenti emozionanti e rafforzare la coscienza etica di og...

Leggi tutto

18-02-2020 Hits:19

Le università italiane insieme per la diagnosi precoce delle malattie neurodegenerative

Le università italiane insieme per la diagnosi precoce delle  malattie neurodegenerative

Vincenzo Canonico, Responsabile dell’Unità di Valutazione Alzheimer, Cattedra di Geriatria dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II” Tre atenei italiani di eccellenza (Università di Bari, Cassino e S...

Leggi tutto

18-02-2020 Hits:31

Salute Mentale, una svolta

Salute Mentale, una svolta

Il Gruppo Kos-Santo Stefano con Neomesia si occupa di Salute Mentale attraverso una serie di cliniche e strutture psichiatriche che rivoluzionano la cura con una rinnovata attenzione verso il paziente. Attenz...

Leggi tutto

18-02-2020 Hits:21

BAMBINO GESU’: studiare l’epilessia dentro il cervello

BAMBINO GESU’: studiare l’epilessia dentro il cervello

Mantenere in vita il tessuto cerebrale asportato dai pazienti con epilessia, per studiare l’origine della malattia e sperimentare nuovi trattamenti terapeutici. Una nuova promettente frontiera della ricerca s...

Leggi tutto

18-02-2020 Hits:26

Infermieri e cittadini, firmati due nuovi protocolli d’intesa

Infermieri e cittadini, firmati due nuovi protocolli d’intesa

I cittadini vogliono gli infermieri al loro fianco per elaborare proposte per il Governo e le Regioni: due i protocolli d’intesa siglati dalla FNOPI (Federazione Nazionale Ordini Professioni Infermieristiche)...

Leggi tutto

Bambino Gesù: impiantato primo "bronco" 3D su bimbo di 5 anni

Visite: 173 times

È la prima operazione del genere in Europa. Il piccolo paziente, affetto da broncomalacia, ora respira autonomamente. Il ‘bioprinting’ 3D apre la nuova era della chirurgia delle vie aeree in età pediatrica


Un “bronco” riassorbibile stampato in 3D per restituire il respiro a un bambino di 5 anni. È stato impiantato all’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, con un intervento sperimentale, su un paziente affetto dabroncomalacia, un cedimento della parete bronchiale che impediva il normale flusso di aria nel polmone sinistro. È la prima operazione di questo genere in Europa. Il dispositivo, realizzato grazie a un lavoro d’équipe durato oltre 6 mesi, ha consentito al bambino di respirare autonomamente. Il “bronco” 3D è stato interamente progettato al Bambino Gesù con sofisticate tecniche di imaging e bioingegneria. È stato stampato con materiale bio-riassorbibile che verrà progressivamente eliminato dall’organismo dopo aver accompagnato la crescita dell’apparato respiratorio del bambino e restituito al bronco la sua funzionalità. A poco meno di un mese dall’intervento, il bimbo è potuto tornare a casa.

IL DISPOSITIVO 3D

Il “bronco” 3D nasce da un progetto del Bambino Gesù basato su uno studio dell’Università del Michigan, negli Stati Uniti, dove sono stati eseguiti i primi 15 impianti del genere. Il dispositivo personalizzato è stato disegnato sull’anatomia del piccolo paziente partendo dalle immagini bidimensionali (TAC) realizzate nel Dipartimento di Diagnostica per Immagini dal dott. Aurelio Secinaro e poi rielaborate con sofisticate tecniche di bioingegneria dal dott. Luca Borro dell’Unità di Innovazione e Percorsi Clinici. Il modello tridimensionale, una “gabbietta” cilindrica che riproduce la struttura del bronco, è stato stampato con policaprolattone e idrossiapatite, composto bio-riassorbibile che viene eliminato dall’organismo nell’arco di circa 2 anni.

La stampa 3D è stata affidata, nell’ambito di un progetto di ricerca, al centro di stampa 3D Prosilas che ha reperito e adattato il materiale alle proprie tecnologie. Prima dell’impianto, il “bronco” è stato sottoposto a processi di sterilizzazione a bassa temperatura per non alterarne struttura e caratteristiche. Per i test di resistenza meccanica l’Ospedale si è avvalso della collaborazione dell’Università di Modena e Reggio Emilia. Con l’autorizzazione all’uso compassionevole del dispositivo sperimentale concessa dal Ministero della Salute, il team di chirurghi ha potuto procedere con l’operazione. L’intero procedimento, dalla progettazione all’intervento, ha richiesto oltre 6 mesi di intenso lavoro di squadra.

 

L’INTERVENTO

Il delicato intervento sul paziente di 5 anni, durato 8 ore, è stato eseguito il 14 ottobre 2019 dal dott. Adriano Carotti, responsabile dell'Unità di Funzione di Cardiochirurgia Complessa con Tecniche Innovative, in collaborazione con i chirurghi delle vie aeree del Laryngo-Tracheal Team, diretto dal dott. Sergio Bottero.

Il bronco del bambino era schiacciato tra l’arteria polmonare sinistra e l’aorta toracica discendente. Questa compressione, di lunga data, aveva generato il restringimento del condotto respiratorio e il cedimento degli anelli di cartilagine che sostengono la parete del bronco. A causa delle difficoltà respiratorie, nelle ore notturne il piccolo aveva bisogno del supporto dei macchinari per la ventilazione non invasiva.

Nel corso dell’intervento, eseguito in circolazione extracorporea, i cardiochirurghi hanno spostato le arterie polmonari che causavano lo schiacciamento bronchiale, quindi hanno eseguito l’impianto. Il dispositivo è stato posizionato all’esterno del bronco malato ancorando il tessuto indebolito alla gabbietta 3D con delle suture. I chirurghi delle vie aeree hanno effettuato il monitoraggio pre, intra e post operatorio. A poco meno di un mese di distanza dall’operazione il bambino è tornato a casa con la sua famiglia. Ora è in grado di respirare normalmente.

  

BRONCOMALACIA: NUOVE POSSIBILITA’ DI CURA CON IL ‘BIOPRINTING’ 3D

La malacia dei bronchi, ovvero la perdita della funzione di supporto da parte degli anelli di cartilagine che compongono le vie aeree, è una lesione relativamente rara che produce una limitazione del normale flusso gassoso attraverso la via aerea e può condurre all’insufficienza respiratoria. La cartilagine indebolita, infatti, tende a collassare principalmente durante la fase espiratoria, di cui ne prolunga la durata. Inoltre, tende ad impedire l'espettorazione, provocando l'intrappolamento delle secrezioni e favorendo le infezioni polmonari. La broncomalacia è legata a diverse cause: può avere un’origine genetica; può associarsi a determinate forme di prematurità; può manifestarsi in seguito a traumi e infiammazioni croniche o essere causata dalla compressione esercitata da vasi sanguigni anomali. La maggior parte dei casi di compressione vascolare si risolve con la rimozione della causa (ad esempio riposizionando i vasi sanguigni responsabili). Nelle situazioni più complesse, quando la compressione di lunga durata produce “cedimento” della parete bronchiale, eliminare la causa della broncomalacia non è sufficiente ed è necessario ricorrere anche all’impianto di una struttura di sostegno.

«I dispositivi 3D realizzati con materiale riassorbibile, destinati a scomparire e ad assolvere la loro funzione in maniera poco traumatica, rappresentano la nuova frontiera della chirurgia delle vie aree in età pediatrica» spiega il cardiochirurgo Adriano Carotti. «Presto potranno sostituire completamente gli stent di silicone, facilmente dislocabili, e gli stent metallici che, una volta inglobati nella parete della via aerea, non sono più rimovibili e possono interferire con la crescita dell’apparato respiratorio del bambino. Il “bronco” 3D impiantato sul nostro piccolo paziente, invece, scomparirà dall’organismo nel giro di un paio d’anni. È ragionevole pensare che, nel frattempo, avrà indotto la generazione di una reazione fibrosa peribronchiale che in qualche modo “sostituirà” la funzione della cartilagine rovinata: il bronco sarà così in grado di sostenersi da solo e avrà la possibilità di svilupparsi e di continuare a crescere».

 

Fonte: Ufficio Stampa Ospedale Pediatrico Bambino Gesù - IRCCS