Jul 19, 2019 Last Updated 8:49 AM, Jul 12, 2019

Quotidiano della Salute

12-07-2019 Hits:124

La rivincita delle curve

La rivincita delle curve

“Prendila morbida” intonava il jingle di un noto spot anni ‘90 di caramelle. Se all’epoca la morbidezza era ben accetta tra i dolciumi, non valeva lo stesso per il jet set della moda internazionale: infatti, a ...

Leggi tutto

12-07-2019 Hits:128

LA RISATA CHE GUARISCE

LA RISATA  CHE GUARISCE

Anche un sorriso può aiutare a distrarre un bimbo allettato che ha dolori, problemi, malattie: ed è scientificamente accertato che la risata è una terapia… senza controindicazioni!Nell’ambito delle Attività Int...

Leggi tutto

12-07-2019 Hits:127

Sanità giovane per invecchiare bene

Sanità giovane per invecchiare bene

Sulla sostenibilità del sistema sociosanitario dell’assistenza che rende possibile il miglior invecchiamento della popolazione, ossia quella Longevità attiva di cui l’Italia può andar fiera per vari motivi, si ...

Leggi tutto

12-07-2019 Hits:79

PIANO NAZIONALE DELLA CRONICITÀ, IL PUNTO AD OGGI…

PIANO NAZIONALE DELLA CRONICITÀ, IL PUNTO AD OGGI…

Luglio 2019, a quasi tre anni dalla sua approvazione – 15 settembre 2016 – il Piano Nazionale Cronicità non è ancora stato recepito in 5 regioni e nelle altre i tempi di recepimento vanno da 2 a 33 mesi.Nel 202...

Leggi tutto

12-07-2019 Hits:96

SALUTE MENTALE, COSA CAMBIA

SALUTE MENTALE, COSA CAMBIA

La Psichiatria In Italia sta attraversando un momento di rilancio e di rivalutazione, se così possiamo dire. Vediamo perché, parlandone con il prof. Paolo Girardi della Sapienza di Roma.Andare in pensione a liv...

Leggi tutto

12-07-2019 Hits:89

Neomesia, cura della persona dal punto di vista psichiatrico

Neomesia, cura della persona dal punto di vista psichiatrico

La rivoluzione sociosanitaria che riguarda la Salute mentale inizia con la legge 180 che, nel 1978, su iniziativa di Franco Basaglia avvia la riforma psichiatrica in Italia. Basaglia aveva organizzato la “rivol...

Leggi tutto

06-07-2019 Hits:171

Disabili e inclusione lavorativa: cose da sapere

Disabili e inclusione lavorativa: cose da sapere

Il punto della FISH: le leggi ci sono ma mancano i fondi per le assunzioni  Per conoscere appieno le difficoltà di inclusione lavorativa delle persone disabilità è necessario conoscere – non solo ma anche – ...

Leggi tutto

04-07-2019 Hits:191

Carenza farmaci. Li Bassi (Aifa), "Impegnati a risolvere la questione ma rassicuriamo i pazienti"

Carenza farmaci. Li Bassi (Aifa), "Impegnati a risolvere la questione ma rassicuriamo i pazienti"

“È banale ridurre a una questione di prezzo il problema delle carenze dei farmaci. Se dipendesse dal solo fatto che in Italia secondo alcuni costano meno, e per questo i prodotti spariscono dal mercato nazion...

Leggi tutto

03-07-2019 Hits:305

Asma allergico: respirare a pieni polmoni a 1.700 metri

Asma allergico: respirare a pieni polmoni a 1.700 metri

25 pazienti dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù da Roma a Misurina, all’Istituto Pio XII, per imparare a gestire la malattia in alta quota. Il progetto è sostenuto dalla Fondazione Bambino Gesù Onlus Torna...

Leggi tutto

02-07-2019 Hits:171

Lazio. Al Regina Elena un super microscopio per cellule tumorali senza più segreti

Lazio. Al Regina Elena un super microscopio per cellule tumorali senza più segreti

Inaugurata la piattaforma di imaging di ultimissima generazione, dono della Fondazione Roma. L’alta risoluzione del microscopio permette di osservare ambienti tumorali realistici, e comprendere meglio i mecca...

Leggi tutto

01-07-2019 Hits:170

Emilia-Romagna. Vaccino contro il papillomavirus gratuito anche per giovani donne fino a 26 anni

Emilia-Romagna. Vaccino contro il papillomavirus gratuito anche per giovani donne fino a 26 anni

L'Emilia-Romagna sempre più impegnata nella prevenzione delle malattie sessualmente trasmesse:la gratuità del vaccino attualmente prevista per gli adolescenti, femmine e maschi, a partire dagli 11 anni fino a...

Leggi tutto

29-06-2019 Hits:166

Podologi a Bologna per il corso Aip su ortesi in silicone

Podologi a Bologna per il corso Aip su ortesi in silicone

L'AIP, Associazione italiana podologi, oggi a Bologna per il corso professionale di aggiornamento Ecm dedicato all'ortoplastia, secondo appuntamento dopo Roma e prima di Palermo. "L'aggiornamento professional...

Leggi tutto

27-06-2019 Hits:156

Inail: Forni (ANMIL), deve finire la lunga serie di tragedie che ogni anno insanguinano il nostro paese

Inail: Forni (ANMIL), deve finire la lunga serie di tragedie che ogni anno insanguinano il nostro paese

“Si tratta di un bilancio drammatico, intollerabile per il nostro Paese e che sarebbe grave sottovalutare”, dichiara Zoello Forni, Presidente nazionale dell’ANMIL, di fronte ai dati sul fenomeno degli infortu...

Leggi tutto

27-06-2019 Hits:149

Non autosufficienza: verso il Piano nazionale

Non autosufficienza: verso il Piano nazionale

La FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap) ha partecipato al Tavolo convocato dal Ministero del Lavoro per iniziare un confronto per la definizione di un Piano nazionale sulla non autosuf...

Leggi tutto

27-06-2019 Hits:162

Toscana: spiagge e parchi plastic free, sì a nuova legge

Toscana: spiagge e parchi plastic free, sì a nuova legge

  Il Consiglio regionale approva il provvedimento della Giunta per la riduzione dell’incidenza della plastica Il Consiglio regionale approva a larga maggioranza – 30 voti a favore e 3 astenuti (Forza Italia...

Leggi tutto

25-06-2019 Hits:176

Lazio. Ondate di calore: in arrivo l'app "Caldo e Salute"

Lazio. Ondate di calore: in arrivo l'app "Caldo e Salute"

Avviato il piano di prevenzione con sorveglianza attiva sulla popolazione target da parte dei medici di medicina generale “In queste giornate di temperature elevate è a disposizione una App ‘Caldo e Salute’ ...

Leggi tutto

24-06-2019 Hits:196

CesarePozzo presenta il progetto per l'inclusione sociale di persone con autismo dell'ASP Palermo

CesarePozzo presenta il progetto per l'inclusione sociale di persone con autismo dell'ASP Palermo

Sabato 29 Giugno, ore 10.00, Assemblea Regionale Siciliana – Palermo Un’ azione pilota, mai sperimentata prima sul territorio dell’ASP di Palermo, rivolta a persone affette da autismo, promossa e soste...

Leggi tutto

24-06-2019 Hits:194

FAI (Fibrillazione Atriale in Italia): la prevenzione come sfida

FAI (Fibrillazione Atriale in Italia): la prevenzione come sfida

Uno studio dell’Istituto di neuroscienze del Cnr e dell'Università di Firenze, pubblicato su Europace, ha valutato l'impatto di questa aritmia cardiaca. Con l'invecchiamento generale della popolazione i sogge...

Leggi tutto

SALUTE MENTALE, COSA CAMBIA

La Psichiatria In Italia sta attraversando un momento di rilancio e di rivalutazione, se così possiamo dire. Vediamo perché, parlandone con il prof. Paolo Girardi della Sapienza di Roma.
Andare in pensione a livello psicologico costituisce una svolta importante. Si può dire che la depressione è la prima causa delle malattie per i pensionati?
“Depressione è una malattia che si manifesta a tutte le età e per svariate motivazioni. La perdita di significato sociale dell’individuo per esempio una volta andato in pensione, può incidere in maniera grave nel suo equilibrio mentale, in conseguenza di solito della perdita diun ruolo. Oggi la società è profondamente cambiata: il lavoro conferisce spesso status e posizione sociale, abitudini e ritmi di vita la cui brusca interruzione può scatenare traumi. Poi, la famiglia stessa è mutata: il vecchio una volta era sinonimo di persona saggia cui chiedere consiglio. Oggi non solo ciò non vale ma si evita e costituisce addirittura fastidio. Quindi se la persona che si ritrova anziana, spesso soprattutto se single e quindi sola, non si è precedentemente munito di una propria rete sociale di relazioni, si ritrova isolata, fuori luogo e inadeguata in molte situazioni, soffrendone. Anche la condizione economica del pensionato influisce a restare isolati. I primi sintomi, inevitabili, di depressione, si manifestano dai 6 ai 24 mesi dalla pensione”.
Lei insegna all’Università La Sapienza. Oggi la formazione scientifica in Psichiatria è in linea con le nuove sfide della demenza senile, fra Alzheimer, Corpi di Levy e Parkinson che spesso si manifestano in parte, non del tutto chiaramente o addirittura insieme? Come si aggiorna di fronte a tali patologie la psichiatria di oggi?
“Il problema demenza senile è assai diffuso ma è passato di competenza alla geriatria e alla neurologia, pur essendo un disturbo mentale. Di sicuro permangono fondamentali gli aspetti deficitari che attengono alla sfera cognitiva e affettiva. Però oggi la sfera psichiatrica interviene più sui disturbi comportamentali e su problematiche di relazione, alimentari, deliri, angosce, turbe morali… conseguenza: perdita di sostanza cerebrale. I preavvisi comunque ci sono sempre, attinenti a inclinazioni del carattere, ira, sfoghi comportamentali, turbamenti di personalità cui non è possibile in casa porre assistenza”.
La prima risposta di solito è il farmaco. Ma è in atto un’epocale rivoluzione in campo farmaceutico con il passaggio dai prodotti di origine chimica a quelli “specifici”, su misura del Biotech, derivati da nanotecnologie, genoma e dna… Che ne pensa?
“Tale cambiamento è svolta necessaria: dai farmaci ormai abbiamo ottenuto tutto, abbiamo raschiato il fondo del barile. La ricerca scientifica deve andare avanti. Siamo ad una fase sperimentale di studio di sostanze che curano… andando direttamente a colpire il bersaglio. Personalizzando la medicina e la cura. Ciò è possibile tuttavia quando la malattia è chiaramente identificabile. Meno, per ciò che concerne il disturbo mentale dove qualsiasi farmaco di generazione nuova, avrà un percorso sperimentale più lungo e lento…”
Dopo la parziale applicazione della legge Basaglia non è mai arrivata la svolta sostanziale per riuscire a concepire nuove strutture di assistenza e ricovero per le malattie mentali.  C’è adesso un progetto di cliniche specializzate da parte del gruppo KosCare Santo Stefano che investe molto in tal senso… che ne pensa?
“La 180, la cosiddetta riforma psichiatrica, è stata un grande passo avanti che poneva fondamento sulla stretta relazione medico/paziente. Ma applicata con investimenti insufficienti, senza personale e strutture adeguate… Eppure sappiamo che le persone che hanno bisogno di cure psichiatriche sono 1 italiano su 5, mentre chi ha bisogno di cure neurologiche sono 1 su 50. Il progetto privato del gruppo Kos Care è ambizioso e necessario, poiché occorre sostenere il settore sanitario pubblico con l’iniziativa privata, che, se professionale, competente e certificata, diventa non solo integrativa ma anche alternativa”.
Qual è secondo la sua esperienza l’ideale assistenza per chi soffre di disturbi psichiatrici e come si può creare un ambiente consono a terapie e cure idonee?
“Penso ad una struttura aperta che contenga sistemi diagnostici completi e rapidi, con equipe di riferimento e che possa svolgere tutte le tipologie di assistenza”.
 E’ valida oggi l’idea di avere sedi e strutture “dedicate” per non dire “riservate” come una volta lo erano i manicomi?
“Certo: aperta in tal senso, significa curare in modo fondamentale l’accoglienza e introdurre di continuo terapie innovative. La struttura dev’essere insomma polifunzionale, privilegiando oltre la funzione terapeutica e riabilitativa, al contempo anche il recupero sociale e affettivo della persona. Il ricovero non sarà più, finalmente, a scopo difensivo, chiuso, terminale, ma quanto più possibile teso al reinserimento sociale”.

 

Neomesia, cura della persona dal punto di vista psichiatrico

La rivoluzione sociosanitaria che riguarda la Salute mentale inizia con la legge 180 che, nel 1978, su iniziativa di Franco Basaglia avvia la riforma psichiatrica in Italia. Basaglia aveva organizzato la “rivoluzione” su due nodi fondamentali: primo, superare le strutture “chiuse” dei manicomi, considerati lager inutili e improduttivi, a volte disumani come li racconta per esempio Mario Tobino e tanta letteratura e cinematografia dedicata in quegli anni al manicomio come terminal negativo. Secondo, lavorare al concetto di reinclusione sociale e recupero terapeutico, iniziando dal comportamento, dalle sane abitudini e dalla cura, igiene e aspetto della persona. Ma per far questo occorreva una nuova generazione di medici psichiatrici, che alla specifica e moderna preparazione aggiungesse un rapporto di un medico ogni due/tre pazienti, affermazione un po’ forte. Numeri dunque alti e difficili da mettere in atto in pochi anni. Non solo. Gli investimenti necessari ad applicare questa seconda e più importante fase di riabilitazione e recupero dei pazienti psichiatrici, viene di fatto disattesa e bloccata. Alla chiusura dei manicomi non segue la corretta impostazione del recupero e del reintegro sociale. Negli anni, alle crisi congiunturali economiche, alle indecisioni politiche in tema sanitario, si assomma quella decisiva della famiglia che non riesce più a costituire più un “rifugio” capace di prendersi cura delle fragilità.
Oggi, a così tanti anni di distanza, qualcuno però intende recuperare il concetto di reinclusione e terapia, mettendo in campo investimenti, strutture, personale medico dedicato. La riforma psichiatrica per una nuova Salute mentale come materia scientifica ricomincia da sedi adeguate e specializzazioni professionali.
Neomesia è il marchio con il quale il Gruppo Kos attraverso la società Kos Care opera nel settore della psichiatria con cliniche specialistiche, residenze terapeutiche, comunità psichiatriche per minori.
Il gruppo ha maturato un’importante esperienza in campo psichiatrico e ha competenze specifiche per la presa in carico di pazienti di ogni età, con patologie psichiatriche di diverso genere, dalle più lievi alle più complesse, in tutte le fasi dell’evoluzione della malattia, dalla manifestazione acuta a quella riabilitativa.
Esperienza, competenza, innovazione. Una misurazione rigorosa dei risultati, tenendo sempre presenti le evidenze e le più avanzate ricerche nel campo delle neuroscienze. Percorsi terapeutici specialistici in funzione della patologia riscontrata, con il coinvolgimento di un team multidisciplinare di alto livello professionale. Queste le principali leve per garantire al paziente qualità, completezza del percorso e chiarezza degli obbiettivi di cura.
I programmi di riabilitazione psichiatrica sono volti al recupero delle capacità psichiche del paziente in modo da ottenere un reinserimento valido e duraturo nella vita familiare e di relazione sociale. Tali attività si svolgono con operatori qualificati che agiscono in sinergia per ottenere il miglior recupero psichico, fisico e relazionale.

 

Iscriviti alla Newsletter