Jul 19, 2019 Last Updated 8:49 AM, Jul 12, 2019

Quotidiano della Salute

12-07-2019 Hits:124

La rivincita delle curve

La rivincita delle curve

“Prendila morbida” intonava il jingle di un noto spot anni ‘90 di caramelle. Se all’epoca la morbidezza era ben accetta tra i dolciumi, non valeva lo stesso per il jet set della moda internazionale: infatti, a ...

Leggi tutto

12-07-2019 Hits:128

LA RISATA CHE GUARISCE

LA RISATA  CHE GUARISCE

Anche un sorriso può aiutare a distrarre un bimbo allettato che ha dolori, problemi, malattie: ed è scientificamente accertato che la risata è una terapia… senza controindicazioni!Nell’ambito delle Attività Int...

Leggi tutto

12-07-2019 Hits:127

Sanità giovane per invecchiare bene

Sanità giovane per invecchiare bene

Sulla sostenibilità del sistema sociosanitario dell’assistenza che rende possibile il miglior invecchiamento della popolazione, ossia quella Longevità attiva di cui l’Italia può andar fiera per vari motivi, si ...

Leggi tutto

12-07-2019 Hits:79

PIANO NAZIONALE DELLA CRONICITÀ, IL PUNTO AD OGGI…

PIANO NAZIONALE DELLA CRONICITÀ, IL PUNTO AD OGGI…

Luglio 2019, a quasi tre anni dalla sua approvazione – 15 settembre 2016 – il Piano Nazionale Cronicità non è ancora stato recepito in 5 regioni e nelle altre i tempi di recepimento vanno da 2 a 33 mesi.Nel 202...

Leggi tutto

12-07-2019 Hits:96

SALUTE MENTALE, COSA CAMBIA

SALUTE MENTALE, COSA CAMBIA

La Psichiatria In Italia sta attraversando un momento di rilancio e di rivalutazione, se così possiamo dire. Vediamo perché, parlandone con il prof. Paolo Girardi della Sapienza di Roma.Andare in pensione a liv...

Leggi tutto

12-07-2019 Hits:89

Neomesia, cura della persona dal punto di vista psichiatrico

Neomesia, cura della persona dal punto di vista psichiatrico

La rivoluzione sociosanitaria che riguarda la Salute mentale inizia con la legge 180 che, nel 1978, su iniziativa di Franco Basaglia avvia la riforma psichiatrica in Italia. Basaglia aveva organizzato la “rivol...

Leggi tutto

06-07-2019 Hits:171

Disabili e inclusione lavorativa: cose da sapere

Disabili e inclusione lavorativa: cose da sapere

Il punto della FISH: le leggi ci sono ma mancano i fondi per le assunzioni  Per conoscere appieno le difficoltà di inclusione lavorativa delle persone disabilità è necessario conoscere – non solo ma anche – ...

Leggi tutto

04-07-2019 Hits:191

Carenza farmaci. Li Bassi (Aifa), "Impegnati a risolvere la questione ma rassicuriamo i pazienti"

Carenza farmaci. Li Bassi (Aifa), "Impegnati a risolvere la questione ma rassicuriamo i pazienti"

“È banale ridurre a una questione di prezzo il problema delle carenze dei farmaci. Se dipendesse dal solo fatto che in Italia secondo alcuni costano meno, e per questo i prodotti spariscono dal mercato nazion...

Leggi tutto

03-07-2019 Hits:305

Asma allergico: respirare a pieni polmoni a 1.700 metri

Asma allergico: respirare a pieni polmoni a 1.700 metri

25 pazienti dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù da Roma a Misurina, all’Istituto Pio XII, per imparare a gestire la malattia in alta quota. Il progetto è sostenuto dalla Fondazione Bambino Gesù Onlus Torna...

Leggi tutto

02-07-2019 Hits:171

Lazio. Al Regina Elena un super microscopio per cellule tumorali senza più segreti

Lazio. Al Regina Elena un super microscopio per cellule tumorali senza più segreti

Inaugurata la piattaforma di imaging di ultimissima generazione, dono della Fondazione Roma. L’alta risoluzione del microscopio permette di osservare ambienti tumorali realistici, e comprendere meglio i mecca...

Leggi tutto

01-07-2019 Hits:170

Emilia-Romagna. Vaccino contro il papillomavirus gratuito anche per giovani donne fino a 26 anni

Emilia-Romagna. Vaccino contro il papillomavirus gratuito anche per giovani donne fino a 26 anni

L'Emilia-Romagna sempre più impegnata nella prevenzione delle malattie sessualmente trasmesse:la gratuità del vaccino attualmente prevista per gli adolescenti, femmine e maschi, a partire dagli 11 anni fino a...

Leggi tutto

29-06-2019 Hits:166

Podologi a Bologna per il corso Aip su ortesi in silicone

Podologi a Bologna per il corso Aip su ortesi in silicone

L'AIP, Associazione italiana podologi, oggi a Bologna per il corso professionale di aggiornamento Ecm dedicato all'ortoplastia, secondo appuntamento dopo Roma e prima di Palermo. "L'aggiornamento professional...

Leggi tutto

27-06-2019 Hits:156

Inail: Forni (ANMIL), deve finire la lunga serie di tragedie che ogni anno insanguinano il nostro paese

Inail: Forni (ANMIL), deve finire la lunga serie di tragedie che ogni anno insanguinano il nostro paese

“Si tratta di un bilancio drammatico, intollerabile per il nostro Paese e che sarebbe grave sottovalutare”, dichiara Zoello Forni, Presidente nazionale dell’ANMIL, di fronte ai dati sul fenomeno degli infortu...

Leggi tutto

27-06-2019 Hits:149

Non autosufficienza: verso il Piano nazionale

Non autosufficienza: verso il Piano nazionale

La FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap) ha partecipato al Tavolo convocato dal Ministero del Lavoro per iniziare un confronto per la definizione di un Piano nazionale sulla non autosuf...

Leggi tutto

27-06-2019 Hits:162

Toscana: spiagge e parchi plastic free, sì a nuova legge

Toscana: spiagge e parchi plastic free, sì a nuova legge

  Il Consiglio regionale approva il provvedimento della Giunta per la riduzione dell’incidenza della plastica Il Consiglio regionale approva a larga maggioranza – 30 voti a favore e 3 astenuti (Forza Italia...

Leggi tutto

25-06-2019 Hits:176

Lazio. Ondate di calore: in arrivo l'app "Caldo e Salute"

Lazio. Ondate di calore: in arrivo l'app "Caldo e Salute"

Avviato il piano di prevenzione con sorveglianza attiva sulla popolazione target da parte dei medici di medicina generale “In queste giornate di temperature elevate è a disposizione una App ‘Caldo e Salute’ ...

Leggi tutto

24-06-2019 Hits:196

CesarePozzo presenta il progetto per l'inclusione sociale di persone con autismo dell'ASP Palermo

CesarePozzo presenta il progetto per l'inclusione sociale di persone con autismo dell'ASP Palermo

Sabato 29 Giugno, ore 10.00, Assemblea Regionale Siciliana – Palermo Un’ azione pilota, mai sperimentata prima sul territorio dell’ASP di Palermo, rivolta a persone affette da autismo, promossa e soste...

Leggi tutto

24-06-2019 Hits:194

FAI (Fibrillazione Atriale in Italia): la prevenzione come sfida

FAI (Fibrillazione Atriale in Italia): la prevenzione come sfida

Uno studio dell’Istituto di neuroscienze del Cnr e dell'Università di Firenze, pubblicato su Europace, ha valutato l'impatto di questa aritmia cardiaca. Con l'invecchiamento generale della popolazione i sogge...

Leggi tutto

Asma allergico: respirare a pieni polmoni a 1.700 metri

25 pazienti dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù da Roma a Misurina, all’Istituto Pio XII, per imparare a gestire la malattia in alta quota. Il progetto è sostenuto dalla Fondazione Bambino Gesù Onlus

Tornano a respirare a pieni polmoni in alta quota, lontani dalle sostanze allergizzanti o irritanti – acari, pollini, inquinamento – controllando i sintomi dell’asma e imparando a gestire la malattia grazie ad un apposito programma studiato per loro da un team di specialisti. Sono i 25 giovani pazienti dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, tutti affetti da asma allergico grave, che dal 29 giugno al 14 luglio partecipano al progetto “Respirare secondo natura".

L’iniziativa è sostenuta dalla Fondazione Bambino Gesù Onlus grazie alla convenzione triennale stipulata con l'Istituto Pio XII di Misurina, in Veneto, centro di eccellenza per la diagnosi, la cura e la riabilitazione in alta quota dei disturbi del respiro in età pediatrica. Un ambiente, a 1.756 metri di altitudine, ai piedi delle Dolomiti di Cadore, libero dagli inquinanti e dagli allergeni che innescano l’infiammazione delle vie aree in chi soffre di asma. In Italia la malattia colpisce il 10% dei bambini e di questi, circa il 5% è affetto da asma ‘difficile' o ‘grave' persistente, le forme più resistenti alle normali terapie.

Per il campus di Misurina di quest’anno sono stati selezionati 25 bambini e ragazzi, dai 7 ai 18 anni, seguiti al Bambino Gesù, nel reparto di Broncopneumologia diretto dal dott. Renato Cutrera. Sono affetti da asma ‘difficile’, la forma che beneficia maggiormente di un programma educazionale appositamente svolto e delle particolari condizioni ambientali dell’alta quota: l’aria più rarefatta, con minore densità facilità il respiro; la quasi totale assenza di inquinanti e di allergeni abbatte il rischio di risposta infiammatoria (tosse, affanno, difficoltà respiratorie).  

Durante il soggiorno, insieme ai famigliari, il gruppo partecipa a un programma che spiega come comprendere e gestire la malattia anche attraverso una corretta somministrazione delle terapie e l’abitudine all’attività fisica. Il programma è studiato da un’équipe interdisciplinare di specialisti (medici, psicologi, fisioterapisti, infermieri). L’obiettivo è tenere l’asma sotto controllo e, più in generale, migliorare la qualità della vita dei ragazzi, anche una volta rientrati in città. I risultati emersi verranno confrontati con quelli registrati 6 mesi prima e 6 mesi dopo la permanenza in alta quota.

«Il soggiorno climatico a Misurina è al tempo stesso terapeutico ed educazionale» spiega Antonio Di Marco, il broncopneumologo del Bambino Gesù che accompagna i giovani pazienti dell’Ospedale Pediatrico in questa avventura. «Il programma prevede il coinvolgimento delle famiglie nella gestione della malattia e delle sue complicanze e ogni giorno un'equipe interdisciplinare valuta la funzione respiratoria, le performance fisiche e bisogni psicologici dei ragazzi. Il gruppo partecipa ad escursioni a intensità crescente che servono per abituarli gradualmente all’attività fisica. I benefici del soggiorno in alta quota si protraggono poi nel tempo, anche al rientro in città, sia sul fronte delle risposte infiammatorie che dell’attitudine al movimento, molto importante in caso di asma».

Fonte: Ufficio Stampa Ospedale Pediatrico Bambino Gesù - IRCCS 

 

Lazio. Al Regina Elena un super microscopio per cellule tumorali senza più segreti

Inaugurata la piattaforma di imaging di ultimissima generazione, dono della Fondazione RomaL’alta risoluzione del microscopio permette di osservare ambienti tumorali realistici, e comprendere meglio i meccanismi che guidano le varie mutazioni del cancro

Anche le cellule hanno un loro scheletro. Viene chiamato "citoscheletro" ed è fatto da una serie di proteine specifiche. Le cellule tumorali hanno citoscheletri differenti non solo rispetto alle cellule sane ma anche tra individuo e individuo con lo stesso tipo di neoplasia. L’eterogeneità dei tumori nei singoli pazienti, quindi, dipende non solo dalla loro variabilità genetica ed epigenetica ma anche dalla modificazione delle strutture citoscheletriche delle cellule tumorali. Queste caratteristiche possono rendere i pazienti resistenti non solo alle terapie antitumorali convenzionali, ma perfino a quelle di precisione. Per una efficace lotta ai tumori occorre quindi poter affiancare l’analisi genetica con lo studio del fenotipo tumorale, cioè della struttura tridimensionale della cellula.

E’ per tali motivi che con grande soddisfazione dei ricercatori, è stato inaugurato oggi 2 Luglio, presso l’Istituto Nazionale Tumori Regina Elena (IRE), il Microscopio a fluorescenza confocale di ultima generazione, che ci pone nella privilegiata condizione di analizzare anche il “fenotipo” cioè “l’aspetto esteriore” del tumore, con tecnologie al vertice dell’imaging cellulare per risoluzione, sensibilità e velocità lineari.

Il microscopio è stato donato dalla Fondazione Roma. Lo strumento offre immagini ad altissima risoluzione  di tutte le  strutture interne della cellula: cromosomi, mitocondri, citoscheletro ecc., su cellule fissate o anche su cellule vive senza quindi alterare il campione biologico con complicati passaggi di colorazione o fototossicità.

“Si tratta - dichiara Francesco Ripa di Meana, direttore generale IFO - di una piattaforma altamente innovativa che consente di potenziare e “fondere” ricerca traslazionale e medicina di precisione.”

“Lo strumento - spiega Gennaro Ciliberto, direttore scientifico dell’Istituto Regina Elena - facilita e favorisce  la collaborazione tra ricercatori, patologi, oncologi e chirurghi. Infatti grazie alle informazioni che si ottengono dall’osservazione ad altissima risoluzione  di cellule e tessuti tumorali pre-trattamento e post-trattamento è possibile ottenere classificazioni diagnostiche e prognostiche sempre più precise del paziente oncologico e terapie a bersaglio molecolare, immunomodulatori e radioterapia sempre più efficaci.”

Erano presenti all’evento di oggi la direzione strategica degli Istituti e il Presidente della Fondazione Roma Prof. Avv. Emmanuele Francesco Maria Emanuele che ha affermato: “Oggi giunge a felice conclusione un intervento da me fortemente voluto allorché ero Presidente della Fondazione Roma, che testimonia, se ve ne fosse bisogno, la vicinanza della Fondazione alle esigenze di aggiornamento tecnologico della ricerca in campo bio-medico, da troppi anni trascurata, a causa della nota e costante inadeguatezza delle risorse pubbliche.”

La cellula tumorale è organizzata in comparti cellulari la cui dimensione è di nanometri ed i livelli di segnale nei campioni biologici sono molto bassi. Grazie al nuovo super microscopio sarà ora possibile osservare, con un elevata risoluzione, sensibilità e velocità tessuti biologici ottenuti direttamente da biopsie di pazienti, prima e dopo una terapia convenzionale o personalizzata.

Particolare attenzione è rivolta ormai all’osservazione del “microambiente tumorale”. Tale ambiente dà importanti informazioni sulla componente infiammatoria che stimola la proliferazione e la sopravvivenza di cellule maligne, promuove la vascolarizzazione del tumore  e le metastasi, sovverte le risposte immunitarie e la risposta a chemioterapici.

“Attraverso questo potente strumento – spiega Silvia Soddu, Responsabile della Unità Network cellulari e bersagli terapeutici molecolari IRE – è quindi possibile studiare i parametri del microambiente tumorale rispetto al tessuto non patologico. Non solo. Attraverso la piattaforma sarà possibile osservarecellule vive, sia geneticamente modificate che sottoposte a trattamenti anti-neoplastici, per studiare i meccanismi molecolari coinvolti nella formazione dei tumori e nella risposta alle terapie mirate, o nella resistenza ai trattamenti.  Sarà anche possibile osservare parametri cellulari senza minimamente alterare la cellula: apoptosi, proliferazione, citotossicità, angiogenesi, proliferazione di cellule immunitarie, marcatori, ecc..”

“Sono stato particolarmente felice di essere presente alla presentazione dell’apparecchiatura di imaging all’avanguardia nella microscopia a fluorescenza e confocale – ha concluso il Presidente Onorario della Fondazione Roma, Prof. Avv. Emmanuele Francesco Maria Emanuele – perché, come oggi sempre più necessario, consente al Regina Elena di mantenere quegli standard di eccellenza e di aggiornamento tecnologico che sono indispensabili per mettere in condizione i ricercatori di arrivare a capire integralmente i meccanismi cellulari, così da consentire poi ai medici di intervenire con efficacia nei processi patologici.”

 

Fonte: Ufficio Stampa e Relazioni Esterne IFO

 

 

 

Iscriviti alla Newsletter