Oct 16, 2019 Last Updated 9:31 AM, Oct 15, 2019

CLINICA DENTALE: COME CURARE I “PAZIENTI SPECIALI”

Visite: 299 times

 

Può davvero rappresentare una seria criticità sociale.
L’ampia fascia di popolazione composta da tutte quelle persone che presentano patologie ai denti ma che, al contempo, versano in particolari condizioni fisiche e di salute.
Stiamo parlando di persone con malattie che rendono il trattamento odontoiatrico critico, pazienti affetti da malattie croniche che ne riducono la mobilità e la collaborazione, persone con disabilità intellettiva.
Una condizione in cui chiunque potrebbe venirsi a trovare, semplicemente per gli effetti della vecchiaia, oppure a seguito di una terapia farmacologica o di un trauma, di un intervento chirurgico o di una malattia.
In gergo, in medicina, vengono definiti “special needs”, un “paziente speciale”che, in odontoiatria, richiede al dentista non solo tempi e modalità di intervento differenti da quelli utilizzati nella pratica professionale quotidiana, ma anche elevati standard qualitativi di assistenza.
“E non sono molti i Centri, come il nostro, capaci di occuparsi anche di questa fascia di popolazione, oltre che dei pazienti più comuni”, ha sottolineato il Prof. Michele Grechi, Direttore della Clinica Dentale Santo Stefano di Porto Potenza Picena, in occasione dell’evento formativo organizzato dalla stessa Clinica, che ha visto partecipare anche il Prof. Raffaele Vinci, Direttore del centro dipartimentale di chirurgia orale presso l’IRCCS San Raffaele di Milano e punto di riferimento per il settore.
La qualità delle cure nel settore odontoiatrico, d’altronde, rappresenta un valore aggiunto imprescindibile, in risposta ai crescenti problemi della popolazione. 
Crescenti, appunto, perché la popolazione sta progressivamente invecchiando (i dati Istat 2012 fissano a 84,5 anni l’aspettativa di vita media delle femmine, mentre per i maschi a 79,4 con un evidente incremento negli ultimi dieci anni quando, nel 2001, per le femmine l’aspettativa era di 82,9 anni e per i maschi di 76,7) con un conseguente aumento dei problemi di salute orale, come la perdita di denti, l’aumento dell’esperienza di carie e le malattie parodontali, eccetera.
“La salute orale – ci tiene a precisare Grechi – è preziosa perché una cattiva salute orale si estende ben oltre la bocca, causando un serio problema alla salute e al benessere generale dell’individuo, con difficoltà ad alimentarsi e nutrirsi, a digerire e ad avere un corretto metabolismo, con tutto quello che ne può conseguire”.
Dicevamo dell’importante evento formativo per dentisti organizzato dalla Clinica Dentale del Santo Stefano e dal Direttore, il Prof. Michele Grechi, che ha richiamato tanti professionisti del territorio e che ha visto protagonisti docenti d’eccezione e punti di riferimento assoluti nel settore dell’odontoiatria: oltre al Prof. Raffaele Vinci, anche il dr. Marco Finotti e il dr. Michele Manacorda.
A loro il compito di formare i colleghi professionisti odontoiatri che hanno seguito l’evento sul tema “Attuali orientamenti nelle riabilitazioni implantoprotesiche” fornendo loro gli step operativi fondamentali relativi alla progettazione e realizzazione implantoprotesica a flusso digitale.
L’evento ha avuto un’elevata efficacia e un grande impatto visto che, con assoluta maestria, i docenti si sono divisi tra la sala operatoria in cui hanno effettuato due importanti interventi in diretta live dalla Clinica Dentale, e le spiegazioni teorico pratiche in aula.