Jan 26, 2020 Last Updated 1:26 PM, Jan 24, 2020

Quotidiano della Salute

24-01-2020 Hits:75

Task-force Ministero della Salute: Italia in linea con le raccomandazioni OMS su coronavirus 2019-nCoV

Task-force Ministero della Salute: Italia in linea con le raccomandazioni OMS su coronavirus 2019-nCoV

La task-force del Ministero della Salute sul coronavirus 2019-nCoV si è riunita questa mattina alla presenza del ministro, Roberto Speranza. Presenti, tra gli altri, anche i vertici degli aeroporti di Roma Fium...

Leggi tutto

22-01-2020 Hits:91

Interventi del Ministero della Salute su coronavirus 2019-nCoV

Interventi del Ministero della Salute su coronavirus 2019-nCoV

In Italia è attiva una rete di sorveglianza sul nuovo coronavirus (2019-nCoV). La situazione è monitorata dal Ministero della Salute che è in contatto continuo con le autorità sanitarie internazionali. Al momen...

Leggi tutto

08-01-2020 Hits:276

FRIULI VENEZIA GIULIA - Contributi per la casa di Riposo di San Giorgio di Nogaro

FRIULI VENEZIA GIULIA - Contributi per la casa di Riposo di San Giorgio di Nogaro

  "La Regione sosterrà la riqualificazione della casa di riposo 'Giovanni Chiabà' di San Giorgio di Nogaro attraverso l'erogazione di un contributo da 1 milione di euro." Lo ha confermato stamane il vicegovern...

Leggi tutto

07-01-2020 Hits:289

Formare gli operatori, aiutare gli anziani. A Roma il 15 gennaio

Formare gli operatori, aiutare gli anziani. A Roma il 15 gennaio

Workshop della Fondazione Alberto Sordi il 15 gennaio a Roma             La figura dell’Operatore all’interno di strutture sociosanitarie per anziani è al centro dell’incontro formativo organizzato dalla Fon...

Leggi tutto

04-01-2020 Hits:317

Regione Lazio, 450 mila euro per parrucche destinate ai malati oncologici

Regione Lazio, 450 mila euro per parrucche destinate ai malati oncologici

Saranno realizzate le banche delle parrucche presso le Asl e le aziende ospedaliere La Regione Lazio nella Legge di Stabilità recentemente approvata ha stanziato un finanziamento di 450 mila euro per il pros...

Leggi tutto

04-01-2020 Hits:168

Marche. Pacchetto di provvedimenti di fine anno per servizi migliori nel 2020

Marche. Pacchetto di provvedimenti di fine anno per servizi migliori nel 2020

Incremento di 57 milioni dei budget provvisori, dei posti letto convenzionati, abbattimento delle liste d’attesa dell’età evolutiva Alla fine del 2019 la Giunta regionale delle Marche ha adottato un pacchett...

Leggi tutto

27-12-2019 Hits:247

Regione Lazio. Cooperative sociali: 1 milione di euro per l'occupazione delle persone svantaggiate

Regione Lazio. Cooperative sociali: 1 milione di euro per l'occupazione delle persone svantaggiate

Troncarelli: "Promuoviamo così progetti per l'integrazione sociale" La giunta regionale ha approvato lo stanziamento di 1.000.000 di euro a favore delle cooperative sociali e dei loro consorzi. Le risorse sa...

Leggi tutto

27-12-2019 Hits:256

Fondazione Alberto Sordi, il 15 gennaio workshop formativo a Roma

Fondazione Alberto Sordi, il 15 gennaio workshop formativo a Roma

Alleanza per le Persone Anziane: operatori protagonisti del futuro. La Fondazione Alberto Sordi annuncia il prossimo evento L’incontro-workshop dedicato ai principi della Carta Alleanza per le Persone Anzian...

Leggi tutto

23-12-2019 Hits:229

Marche. Dipendenze patologiche, 2,3 milioni aggiuntivi per prevenzione e cura nel biennio 2020-2021

Marche. Dipendenze patologiche, 2,3 milioni aggiuntivi per prevenzione e cura nel biennio 2020-2021

Ceriscioli: “Risposte mirate all’evoluzione del fenomeno” La Regione Marche destina 2,3 milioni di euro per la prevenzione e la cura delle dipendenze patologiche nel biennio 2020-2021. “Si tratta di risorse ...

Leggi tutto

23-12-2019 Hits:179

Lazio. Zingaretti: "A Natale aperti 35 ambulatori del week-end, in 10 possibilità di assistenza pediatrica"

Lazio. Zingaretti: "A Natale aperti 35 ambulatori del week-end, in 10 possibilità di assistenza pediatrica"

Tutte le info su salutelazio.it. Gli ambulatori hanno avuto 478 mila accessi e 46 mila per il servizio pediatrico “In occasione delle prossime festività natalizie anche per quest’anno manterremo aperti i 35 ...

Leggi tutto

21-12-2019 Hits:201

Pranzi delle feste: i consigli dell'ADI per non eccedere a tavola

Pranzi delle feste: i consigli dell'ADI per non eccedere a tavola

Cinque semplici accorgimenti per mantenere un’alimentazione equilibrata senza rinunciare alla convivialità La cena della vigilia e il pranzo di Natale sono due momenti simbolici e importanti per le famiglie ...

Leggi tutto

20-12-2019 Hits:156

Guida ai tumori pediatrici dal Bambino Gesù. Seconda causa di morte negli under 14, ma oltre l'80% dei pazienti guarisce

Guida ai tumori pediatrici dal Bambino Gesù. Seconda causa di morte negli under 14, ma oltre l'80% dei pazienti guarisce

Nel numero speciale del magazine digitale ‘A scuola di salute’ tutte le informazioni sulle varie tipologie, frequenza, diagnosi e cura Ogni anno, in Italia, i tumori colpiscono 1.400 bambini da 0 a 14 anni ...

Leggi tutto

20-12-2019 Hits:234

Ricerca: un caschetto contro l’affaticamento da sclerosi multipla

Ricerca: un caschetto contro l’affaticamento da sclerosi multipla

Oggi è possibile combattere la fatica con un intervento elettroceutico, una cura con segnali elettrici somministrata grazie a un caschetto personalizzabile. La stimolazione non invasiva di 15 minuti per 5 gio...

Leggi tutto

19-12-2019 Hits:125

Marche. Ceriscioli: "Angiografo e hospice rafforzano la risposta sanitaria nel sud delle Marche"

Marche. Ceriscioli: "Angiografo e hospice rafforzano la risposta sanitaria nel sud delle Marche"

 Il presidente della Regione ha inaugurato la nuova apparecchiatura angiografica dell’ospedale di Ascoli e l’Hospice di San Benedetto del Tronto  “L’angiografo è uno strumento utile sia per la chirurgia inte...

Leggi tutto

19-12-2019 Hits:168

Natale e malattia di Alzheimer: i consigli della Società Italiana di Neurologia

Natale e malattia di Alzheimer: i consigli della Società Italiana di Neurologia

Il Natale sta arrivando, così come i giorni di vacanza tanto attesi da molti. Per alcune persone però il sopraggiungere di ricorrenze festive può provocare sentimenti contrastanti, come nel caso dei pazienti ...

Leggi tutto

19-12-2019 Hits:178

Rilascio mirato dei farmaci: sfruttare la cavitazione per colpire solo i tessuti malati

Rilascio mirato dei farmaci: sfruttare la cavitazione per colpire solo i tessuti malati

Una nuova ricerca nata dalla collaborazione tra la Sapienza, l’Istituto Italiano di Tecnologia e la Temple University di Philadelphia ha ingegnerizzato un vaso sanguigno e applicato un innovativo sistema inte...

Leggi tutto

18-12-2019 Hits:133

Sicurezza sul lavoro, la RAI sceglie l'ANMIL quale beneficiaria della cifra destinata agli omaggi natalizi

Sicurezza sul lavoro, la RAI sceglie l'ANMIL quale beneficiaria della cifra destinata agli omaggi natalizi

Ieri pomeriggio il Presidente della Rai, Marcello Foa, ha consegnato un assegno al Presidente nazionale dell’ANMIL, l’Associazione Nazionale fra Lavoratori Mutilati e Invalidi del Lavoro, Zoello Forni, reiter...

Leggi tutto

18-12-2019 Hits:163

Nano-fogli di grafene catturano nuovi contaminanti nell'acqua potabile

Nano-fogli di grafene catturano nuovi contaminanti nell'acqua potabile

Messo a punto dai ricercatori degli Istituti per la sintesi organica e fotoreattività e per la microelettronica e microsistemi del Cnr un nuovo composito che rende più efficaci i filtri per rimuovere principi...

Leggi tutto

Emilia-Romagna. Nasce la rete regionale dei Centri per le pazienti con endometriosi

Visite: 150 times

 

Formalizzate dalla Giunta l'istituzione della Rete clinica regionale e l'approvazione del modello per i percorsi diagnostico-terapeutici-assistenziali standardizzati. Obiettivo: garantire standard uniformi e qualificati di assistenza lungo l'intero percorso diagnostico-terapeutico. Venturi: "Un ulteriore passo avanti per assicurare diagnosi certe in tempi rapidi, protocolli definiti, cure ancora più appropriate, interventi in strutture specializzate"

Garantire la presa in carico precoce, la prevenzione delle complicanze e la gestione multidisciplinare della patologia; assicurare alle pazienti il livello di assistenza più appropriato in relazione al quadro clinico; calibrare il tipo e la necessità di intervento chirurgico; centralizzare gli interventi più complessi nelle strutture regionali ad elevata casistica e specializzazione. E ancora, monitorare i livelli di qualità delle cure e collaborare attivamente con le associazioni, in modo da assicurare uno scambio di informazioni costante. 

Con la nascita della Rete regionale dei Centri per le pazienti affette da endometriosi, le donne con questa patologia potranno contare, in Emilia-Romagna, su un’assistenza ancor più qualificata e uniforme su tutto il territorio regionale.

L’istituzione della Rete e l’approvazione del modello per i cosiddetti ‘Pdta’ (Percorsi diagnostico-terapeutici-assistenziali) standardizzati sono state formalizzate con una delibera approvata nei giorni scorsi dalla Giunta regionale, e l’Emilia-Romagna è dunque una delle prime Regioni a introdurre, mettendole nero su bianco, nuove strategie per l’endometriosi. Una malattia che in Italia interessa, secondo le stime, quasi 3 milioni di donne e che a livello regionale ha reso necessari - solo lo scorso anno - 798 ricoveri, di cui 734 per intervento chirurgico.

Tra le principali novità contenute nel provvedimento, la definizione di quattro livelli di presa in carico per le pazienti, l’individuazione dei centri ospedalieri di riferimento e dell’Azienda Ospedaliera di Bologna per i casi di maggiore complessità.

“Con l’istituzione della Rete facciamo fare un ulteriore passo avanti ai servizi e all’assistenza delle donne con endometriosi, una patologia invalidante e dolorosa che deve essere diagnosticata con tempestività- sottolinea l’assessore regionale alle Politiche per la salute, Sergio Venturi-. Abbiamo messo a frutto le migliori pratiche, organizzative e cliniche, maturate in Emilia-Romagna fino ad oggi per far sì che, oltre a diagnosi certe in tempi rapidi, su tutto il territorio ci siano percorsi terapeutici e assistenziali uniformi e definiti, e che gli interventi più complessi vengano effettuati nei centri a più alta specializzazione. Un piano costruito assieme alle Aziende sanitarie e alle Associazioni delle donne affette da endometriosi, che ben conoscono esigenze e bisogni delle pazienti”.

“L'implementazione di questi Pdta- afferma Sara Beltrami, referente Associazione progetto endometriosi (Ape) onlus per i rapporti istituzionali e la tutela delle donne- può rappresentare un rinnovamento e una rivoluzione nel futuro di tante donne, perchè contrasta la dispersione di tempo e risorse che le pazienti hanno vissuto sulla propria pelle a causa di ritardi diagnostici e percorsi terapeutici spesso variabili. Ci auguriamo che altre Regioni italiane prendano questo modello da esempio". 

Il nuovo modello clinico-organizzativo regionale

Sono previsti quattro livelli di presa in carico delle pazienti, che hanno l’obiettivo di garantire, da un lato, la possibilità di accedere facilmente al percorso diagnostico e terapeutico; dall’altro, accompagnare la donna al centro di riferimento più appropriato per il livello di gravità della patologia. I quattro livelli sono collegati tra loro attraverso momenti di “interfaccia” e confronto continuo; in particolare, la valutazione multidisciplinare dei casi è lo strumento privilegiato per definire la migliore strategia terapeutica e il più appropriato livello di assistenza sulla base della gravità clinica e dei bisogni assistenziali della paziente.
Il punto di accesso alla rete è rappresentato dai Consultori e dalle Unità Operative di Ginecologia ospedaliere, che pongono il sospetto diagnostico sulla base dell’anamnesi (la storia clinica, familiare e personale), dell’esame obiettivo e degli esiti delle ecografie. La paziente dev’essere successivamente indirizzata al centro ospedaliero di I livello di riferimento territoriale, per il completamento della diagnosi e il trattamento terapeutico. Questo livello garantisce inoltre il “follow-up” (monitoraggio) della paziente, dopo che è stato effettuato l’iter diagnostico-terapeutico nei centri di livello superiore.
Il trattamento chirurgico potrà essere effettuato nei centri ospedalieri di riferimento, identificati in tutti i territori; verranno differenziati, in base alla complessità dei casi che potranno trattare, in centri di riferimento di I, II, e III livello. È previsto un unico centro di riferimento regionale di III livello presso l’Azienda Ospedaliera-Universitaria di Bologna, che attualmente opera oltre il 32% dei casi dell’Emilia-Romagna e avrà il compito di trattare tutti quelli di maggiore complessità non gestibili nei diversi territori, ma anche di coordinare il funzionamento della rete. I centri di II livello gestiranno invece, per l’area vasta cui appartengono, i casi di complessità intermedia, mentre le situazioni meno complicate potranno essere trattate in tutti i centri ospedalieri (nell’Unità Operativa di Ginecologia).

Ricerca e formazione
La rete assistenziale regionale deve offrire alle pazienti la migliore qualità delle cure. Per questo, il centro di riferimento regionale dovrà anche assicurare il coordinamento delle attività di ricerca e l’introduzione delleinnovazioni terapeutiche. Al centro spetterà, inoltre, un ruolo determinante anche in ambito formativo, in modo da contrastare il ritardo diagnostico, che ha conseguenze importanti sulla progressione della malattia, sulla sfiducia della paziente e sulla sua esposizione a trattamenti inappropriati. Dovranno, quindi, essere sviluppate attività formative specifiche per medici e personale sanitario, per specialisti (chirurghi, ginecologi medici), oltre alla gestione dei meeting multidisciplinari per i casi complessi.

Quali sono i Centri ospedalieri di I e II livello
Sono identificati 10 centri di primo livello distribuiti sul territorio regionale: Ospedale di Piacenza, AOU Parma, Ospedale di Fidenza, Arcispedale S. Maria Nuova - Reggio Emilia, Ospedale di Carpi, Ospedale Sassuolo Spa, Ospedale Maggiore Bologna, AOU Ferrara, Ospedali di Forlì e Cesena (collaborazione stretta tra centri/gruppi clinici), Ospedali Ravenna - Faenza - Lugo (equipe integrata).
La rete assistenziale regionale prevede la presenza di 2 centri di secondo livello: l’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena per l’Area Vasta Emilia Nord e l’Ospedale di Rimini per l’Area Ausl Romagna.
Tale assetto sarà sottoposto a verifica in relazione ai dati di attività del primo semestre 2020.

Cos’è l’endometriosi
L’endometriosi è una patologia ad andamento cronico, progressivo e recidivante, che coinvolge globalmente la salute della donna in età fertile. Si caratterizza per la presenza di endometrio, il tessuto che normalmente riveste la superficie interna dell’utero, in zona “anomala”, e può interessare la donna già alla prima mestruazione. Oltre alla sintomatologia dolorosa e all’infertilità, la malattia determina spesso effetti psicofisici che possono essere invalidanti.
Per l’endometriosi la Comunità europea ha stimato una “spesa sociale” di 30 miliardi di euro l’anno in Europa, di cui il 75% è attribuibile ai congedi per malattia. In Italia questa spesa ammonta complessivamente a 6 miliardi, di cui 33 milioni per giornate lavorative perse, 126 milioni per le cure farmacologiche e 54 milioni per il trattamento chirurgico. Da gennaio 2017 l’endometriosi “severa” è stata inserita nei Lea, i Livelli essenziali di assistenza, e quindi tra le malattie croniche per le quali vengono garantite prestazioni in esenzione.

 

Fonte: Ufficio Stampa Giunta regionale dell'Emilia-Romagna