Jul 07, 2020 Last Updated 2:13 PM, Jul 6, 2020

Quotidiano della Salute

25-06-2020 Hits:68

A Civitanova Marche la consegna del Covid Center

A Civitanova Marche la consegna del Covid Center

Il passaggio di consegne tra l’Ordine di Malta e la Regione Marche, ha sancito la fine dei lavori al Covid Center di Civitanova Marche. Alla cerimonia religiosa, presieduta dall’Arcivescovo di Fermo Rocco Pen...

Leggi tutto

10-06-2020 Hits:86

REGIONE MARCHE - Dal 14 giugno 2020 ripristinati i servizi ferroviari

REGIONE MARCHE - Dal 14 giugno 2020 ripristinati i servizi ferroviari

Il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli ha firmato oggi l’ordinanza n. 32 che stabilisce che a partire dalle h.00:00 del 14 giugno 2020, sull’intero territorio regionale, si dispone il ripristino d...

Leggi tutto

04-06-2020 Hits:94

REGIONE MARCHE - 20 milioni di premi ai sanitari: la giunta ratiffica accordo con i sindacati

REGIONE MARCHE - 20 milioni di premi ai sanitari: la giunta ratiffica accordo con i sindacati

ANCONA 3 GIUGNO 2020 - E’ stato ratificato  dalla giunta regionale l’accordo con le rappresentanze sindacali per l’assegnazione dei 20 milioni di premi ai sanitari che hanno seguito nei mesi scorsi l’emergenz...

Leggi tutto

03-06-2020 Hits:100

Rilancio Sanità. Investire sugli infermieri

Rilancio Sanità. Investire sugli infermieri

  What do you want to do ? New mailCopy Lettera-appello della Federazione infermieri ai Deputati: “Nel decreto Rilancio investire su infermieri e assistenza territoriale” Decreto Rilancio, al via l’ite...

Leggi tutto

28-05-2020 Hits:76

EXPODENTAL MEETING 2020 È CONFERMATO DAL 19 AL 21 NOVEMBRE A RIMINI

EXPODENTAL MEETING 2020 È CONFERMATO DAL 19 AL 21 NOVEMBRE A RIMINI

  Milano 20 maggio 2020 – Dopo un attento monitoraggio dell’evoluzione dell’emergenza sanitaria, italiana e internazionale, e nell’ottica di permettere a tutti gli operatori del settore dentale un ripristino...

Leggi tutto

20-05-2020 Hits:86

REGIONE MARCHE - Lo sport riparte, il presidente Ceriscioli firma il decreto

REGIONE MARCHE - Lo sport riparte, il presidente Ceriscioli firma il decreto

Il presidente della Regione Luca Ceriscioli ha firmato il decreto che prevede che l’attività svolta presso palestre e piscine è consentita a decorrere dal 25 maggio 2020, nel rispetto delle norme di distanzia...

Leggi tutto

20-05-2020 Hits:97

REGIONE MARCHE - 20 milioni di premi ai sanitari

EMERGENZA COVID, 20 MILIONI DI PREMI AI SANITARI.CERISCIOLI AI SINDACATI: “Concludete presto le trattative, così velocizziamo le erogazioni. Il tempo non è una variabile indipendente, farne passare troppo vuol ...

Leggi tutto

18-05-2020 Hits:82

La raccolta fondi per Inrca e Salesi

La raccolta fondi per Inrca e Salesi

La Fiduciaria Marche, istituzione che gestisce e tutela i capitali di famiglie, aziende e società garantendone la perfetta legalità e trasparenza nella riservatezza e nella sicurezza di ogni operazione econom...

Leggi tutto

18-05-2020 Hits:70

REGIONE MARCHE - Ufficializzata la riapertura delle attività produttive

REGIONE MARCHE - Ufficializzata la riapertura delle attività produttive

Con il decreto n. 152 del 15 maggio 2020 la Regione ha ufficializzato la riapertura delle attività produttive per lunedì 18 maggio.Riaprono dunque nelle Marche le attività di:•          Somministrazione di al...

Leggi tutto

15-05-2020 Hits:144

Biagi: "Con l'Emilia Romagna pronti a vincere la partita della Salute

Biagi: "Con l'Emilia Romagna pronti a vincere la partita della Salute

“Gli ospedali AIOP ci sono stati nella fase più critica dell’emergenza COVID, ci sono per affrontare l’epidemia in atto e continueranno ad esserci, quali componenti di diritto privato di un unico sistema sani...

Leggi tutto

13-05-2020 Hits:78

REGIONE MARCHE - Proposta per semplificare la CIG al presidente Nazionale INPS Pasquale Tridico

REGIONE MARCHE - Proposta per semplificare la CIG al presidente Nazionale INPS Pasquale Tridico

“Abbiamo avuto rassicurazioni che il Decreto Rilancio, all’approvazione del Governo nazionale, conterrà le semplificazioni suggerite dalla Regione Marche per ridurre i tempi di erogazione della Cassa integraz...

Leggi tutto

12-05-2020 Hits:105

FLAVIA PETRINI ENTRA A FAR PARTE DELLA COMMISSIONE TECNICO-SCIENTIFICA DELLA PROTEZIONE CIVILE

FLAVIA PETRINI ENTRA A FAR PARTE DELLA COMMISSIONE TECNICO-SCIENTIFICA DELLA PROTEZIONE CIVILE

UNDICI DONNE DI PRESTIGIO SCELTE PER LA "FASE DUE" DELL'EMERGENZA COVID.19:  TRA DI LORO ANCHE LA PRESIDENTE SIAARTILa Presidente della Società Italiana di Anestesia, Rianimazione e Terapia Intensiva (SIAARTI)...

Leggi tutto

11-05-2020 Hits:92

Coronavirus, TeiaCare lancia la campagna #setteauno per rispondere all’appello del ministro per gli Affari regionali

Coronavirus, TeiaCare lancia la campagna #setteauno per rispondere all’appello del ministro per gli Affari regionali

Milano, 7 maggio 2020 – Nei giorni scorsi il ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, Francesco Boccia, ha rivolto un appello a sostegno delle RSA dei territori italiani in emergenza a causa del Covi...

Leggi tutto

04-05-2020 Hits:134

REGIONE CAMPANIA - Ordinanza del 3 maggio

NAPOLI 3 maggio 2020 - L’Unità di Crisi trasmette in allegato l'Ordinanza n.43 del 3 maggio 2020, firmata dal Presidente Vincenzo De Luca, con ulteriori misure per la prevenzione e gestione dell’emergenza epide...

Leggi tutto

04-05-2020 Hits:140

REGIONE MARCHE - Primi sbarchi dalla Costa Magica: 11 persone rientreranno a casa

REGIONE MARCHE - Primi sbarchi dalla Costa Magica: 11 persone rientreranno a casa

ANCONA - 3 MAGGIO 2020 - Dopo la conclusione delle operazioni di prelievo dei tamponi, avvenuta ieri, sono cominciati questa mattina i primi sbarchi dei membri dell’equipaggio della Costa Magica attraccata al P...

Leggi tutto

04-05-2020 Hits:116

REGIONE MARCHE - CERISCIOLI CON GUIDO BERTOLASO AL COVID HOSPITAL

REGIONE MARCHE - CERISCIOLI CON GUIDO BERTOLASO AL COVID HOSPITAL

ANCONA - 30 aprile 2020 - “E’ impressionante quello che sta accadendo qui a Civitanova. Dall’ultima visita sono passati poco più di dieci giorni e in questo breve lasso di tempo gli stessi spazi sono stati tr...

Leggi tutto

30-04-2020 Hits:53

Automazione e personalizzazione. Ecco il futuro delle Rsa

Automazione e personalizzazione. Ecco il futuro delle Rsa

La crescente disponibilità di tecnologie di automazione e la revisione organizzativa per la loro condivisione tra le strutture, consentono di rendere alcuni processi del sistema sanitario più sicuri ed effici...

Leggi tutto

30-04-2020 Hits:102

REGIONE MARCHE - Sanitari a bordo della Costa Magica. Primi 145 tamponi

REGIONE MARCHE - Sanitari a bordo della Costa Magica. Primi 145 tamponi

Ha avuto inizio, oggi, alle 14,30 l'attività di prelievo dei tamponi a bordo della Costa Magica. Nel corso della mattinata era stata messa a punto la procedura, che è stata modificata, rispetto alle previsioni ...

Leggi tutto

Emilia-Romagna. Nasce la rete regionale dei Centri per le pazienti con endometriosi

Visite: 338 times

 

Formalizzate dalla Giunta l'istituzione della Rete clinica regionale e l'approvazione del modello per i percorsi diagnostico-terapeutici-assistenziali standardizzati. Obiettivo: garantire standard uniformi e qualificati di assistenza lungo l'intero percorso diagnostico-terapeutico. Venturi: "Un ulteriore passo avanti per assicurare diagnosi certe in tempi rapidi, protocolli definiti, cure ancora più appropriate, interventi in strutture specializzate"

Garantire la presa in carico precoce, la prevenzione delle complicanze e la gestione multidisciplinare della patologia; assicurare alle pazienti il livello di assistenza più appropriato in relazione al quadro clinico; calibrare il tipo e la necessità di intervento chirurgico; centralizzare gli interventi più complessi nelle strutture regionali ad elevata casistica e specializzazione. E ancora, monitorare i livelli di qualità delle cure e collaborare attivamente con le associazioni, in modo da assicurare uno scambio di informazioni costante. 

Con la nascita della Rete regionale dei Centri per le pazienti affette da endometriosi, le donne con questa patologia potranno contare, in Emilia-Romagna, su un’assistenza ancor più qualificata e uniforme su tutto il territorio regionale.

L’istituzione della Rete e l’approvazione del modello per i cosiddetti ‘Pdta’ (Percorsi diagnostico-terapeutici-assistenziali) standardizzati sono state formalizzate con una delibera approvata nei giorni scorsi dalla Giunta regionale, e l’Emilia-Romagna è dunque una delle prime Regioni a introdurre, mettendole nero su bianco, nuove strategie per l’endometriosi. Una malattia che in Italia interessa, secondo le stime, quasi 3 milioni di donne e che a livello regionale ha reso necessari - solo lo scorso anno - 798 ricoveri, di cui 734 per intervento chirurgico.

Tra le principali novità contenute nel provvedimento, la definizione di quattro livelli di presa in carico per le pazienti, l’individuazione dei centri ospedalieri di riferimento e dell’Azienda Ospedaliera di Bologna per i casi di maggiore complessità.

“Con l’istituzione della Rete facciamo fare un ulteriore passo avanti ai servizi e all’assistenza delle donne con endometriosi, una patologia invalidante e dolorosa che deve essere diagnosticata con tempestività- sottolinea l’assessore regionale alle Politiche per la salute, Sergio Venturi-. Abbiamo messo a frutto le migliori pratiche, organizzative e cliniche, maturate in Emilia-Romagna fino ad oggi per far sì che, oltre a diagnosi certe in tempi rapidi, su tutto il territorio ci siano percorsi terapeutici e assistenziali uniformi e definiti, e che gli interventi più complessi vengano effettuati nei centri a più alta specializzazione. Un piano costruito assieme alle Aziende sanitarie e alle Associazioni delle donne affette da endometriosi, che ben conoscono esigenze e bisogni delle pazienti”.

“L'implementazione di questi Pdta- afferma Sara Beltrami, referente Associazione progetto endometriosi (Ape) onlus per i rapporti istituzionali e la tutela delle donne- può rappresentare un rinnovamento e una rivoluzione nel futuro di tante donne, perchè contrasta la dispersione di tempo e risorse che le pazienti hanno vissuto sulla propria pelle a causa di ritardi diagnostici e percorsi terapeutici spesso variabili. Ci auguriamo che altre Regioni italiane prendano questo modello da esempio". 

Il nuovo modello clinico-organizzativo regionale

Sono previsti quattro livelli di presa in carico delle pazienti, che hanno l’obiettivo di garantire, da un lato, la possibilità di accedere facilmente al percorso diagnostico e terapeutico; dall’altro, accompagnare la donna al centro di riferimento più appropriato per il livello di gravità della patologia. I quattro livelli sono collegati tra loro attraverso momenti di “interfaccia” e confronto continuo; in particolare, la valutazione multidisciplinare dei casi è lo strumento privilegiato per definire la migliore strategia terapeutica e il più appropriato livello di assistenza sulla base della gravità clinica e dei bisogni assistenziali della paziente.
Il punto di accesso alla rete è rappresentato dai Consultori e dalle Unità Operative di Ginecologia ospedaliere, che pongono il sospetto diagnostico sulla base dell’anamnesi (la storia clinica, familiare e personale), dell’esame obiettivo e degli esiti delle ecografie. La paziente dev’essere successivamente indirizzata al centro ospedaliero di I livello di riferimento territoriale, per il completamento della diagnosi e il trattamento terapeutico. Questo livello garantisce inoltre il “follow-up” (monitoraggio) della paziente, dopo che è stato effettuato l’iter diagnostico-terapeutico nei centri di livello superiore.
Il trattamento chirurgico potrà essere effettuato nei centri ospedalieri di riferimento, identificati in tutti i territori; verranno differenziati, in base alla complessità dei casi che potranno trattare, in centri di riferimento di I, II, e III livello. È previsto un unico centro di riferimento regionale di III livello presso l’Azienda Ospedaliera-Universitaria di Bologna, che attualmente opera oltre il 32% dei casi dell’Emilia-Romagna e avrà il compito di trattare tutti quelli di maggiore complessità non gestibili nei diversi territori, ma anche di coordinare il funzionamento della rete. I centri di II livello gestiranno invece, per l’area vasta cui appartengono, i casi di complessità intermedia, mentre le situazioni meno complicate potranno essere trattate in tutti i centri ospedalieri (nell’Unità Operativa di Ginecologia).

Ricerca e formazione
La rete assistenziale regionale deve offrire alle pazienti la migliore qualità delle cure. Per questo, il centro di riferimento regionale dovrà anche assicurare il coordinamento delle attività di ricerca e l’introduzione delleinnovazioni terapeutiche. Al centro spetterà, inoltre, un ruolo determinante anche in ambito formativo, in modo da contrastare il ritardo diagnostico, che ha conseguenze importanti sulla progressione della malattia, sulla sfiducia della paziente e sulla sua esposizione a trattamenti inappropriati. Dovranno, quindi, essere sviluppate attività formative specifiche per medici e personale sanitario, per specialisti (chirurghi, ginecologi medici), oltre alla gestione dei meeting multidisciplinari per i casi complessi.

Quali sono i Centri ospedalieri di I e II livello
Sono identificati 10 centri di primo livello distribuiti sul territorio regionale: Ospedale di Piacenza, AOU Parma, Ospedale di Fidenza, Arcispedale S. Maria Nuova - Reggio Emilia, Ospedale di Carpi, Ospedale Sassuolo Spa, Ospedale Maggiore Bologna, AOU Ferrara, Ospedali di Forlì e Cesena (collaborazione stretta tra centri/gruppi clinici), Ospedali Ravenna - Faenza - Lugo (equipe integrata).
La rete assistenziale regionale prevede la presenza di 2 centri di secondo livello: l’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena per l’Area Vasta Emilia Nord e l’Ospedale di Rimini per l’Area Ausl Romagna.
Tale assetto sarà sottoposto a verifica in relazione ai dati di attività del primo semestre 2020.

Cos’è l’endometriosi
L’endometriosi è una patologia ad andamento cronico, progressivo e recidivante, che coinvolge globalmente la salute della donna in età fertile. Si caratterizza per la presenza di endometrio, il tessuto che normalmente riveste la superficie interna dell’utero, in zona “anomala”, e può interessare la donna già alla prima mestruazione. Oltre alla sintomatologia dolorosa e all’infertilità, la malattia determina spesso effetti psicofisici che possono essere invalidanti.
Per l’endometriosi la Comunità europea ha stimato una “spesa sociale” di 30 miliardi di euro l’anno in Europa, di cui il 75% è attribuibile ai congedi per malattia. In Italia questa spesa ammonta complessivamente a 6 miliardi, di cui 33 milioni per giornate lavorative perse, 126 milioni per le cure farmacologiche e 54 milioni per il trattamento chirurgico. Da gennaio 2017 l’endometriosi “severa” è stata inserita nei Lea, i Livelli essenziali di assistenza, e quindi tra le malattie croniche per le quali vengono garantite prestazioni in esenzione.

 

Fonte: Ufficio Stampa Giunta regionale dell'Emilia-Romagna