Nov 13, 2018 Last Updated 10:06 AM, Nov 12, 2018

Il medico di medicina generale del XXI secolo: si è chiuso ieri il 37° Congresso SNAMI

Visite: 48 times

La quattro giorni di Sorrento ha visto la rielezione di Angelo Testa alla presidenza del sindacato e l'intervento del Ministro Salvini

Chiusura dei lavori per la 37° edizione del Congresso Nazionale del Sindacato Nazionale dei Medici Italiani, tenutosi a Sorrento (NA) dal 25 al 28 ottobre.

Con il tema di quest'anno si è cercato di affrontare le principali criticità della Sanità Italiana: "Il medico di medicina genarale del XXI secolo fra semiotica e tecnologia, con anziani e fragili in aumento e medici in drastica diminuzione". L'evento è stato anche occasione per riconfermare alla guida dello Snami il Presidente Angelo Testa che, nella sua relazione, ha effettuato un’analisi panoramica “a 360 gradi” esaltando la figura del Medico che ha lavorato per il bene delle altre persone, perché ha dedicato i migliori anni della sua vita allo studio, al lavoro, all’assistenza di chi soffre, di chi è debole, di chi ha bisogno di aiuto” e invitando ad una riflessione sulle violenze che subiscono i Medici.

"Anche la burocrazia stupida- ha proseguito il leader del sindacato autonomo- è violenza, e mortifica il nostro essere Medici, così come i politici di turno che decidono sulla nostra testa il più delle volte ignorando quello che è il nostro lavoro quotidiano!". Il presidente Snami ha affrontato poi il problema sempre attuale dell’affollamento dei pronto soccorso che si ripresenterà puntualmente in occasione della prossima epidemia influenzale, dovuto in parte alle liste d’attesa lunghissime con svariati abusi di utilizzo sempre più frequenti. "La carenza dei Medici é sempre più drammatica- ha conclusoTesta- nei prossimi dieci anni andrà in pensione una quantità spropositata di medici. Per noi dello Snami non ci deve essere NESSUNA SANATORIA, NESSUN SORPASSO E NESUNO SVILIMENTO DEL MERITO con scorciatoie nella formazione! Dobbiamo necessariamente aumentare le borse a seconda delle esigenze specifiche dei territori e lavorare affinchè una riforma seria del comparto, che tutti vogliamo, passi attraverso un reale percorso di un cambio generazionale. E’ ovvio che chi ha titolo previsto dalla normativa non può venir scavalcato da chi non ne è in possesso, ma è altrettanto sacrosanto che chi ha maturato esperienza sul campo deve veder riconosciuto il giusto punteggio per poter concorrere!"      

La relazione del Presidente nazionale è stata preceduta dalla telefonata del vice-premier Matteo Salvini. "Grande soddisfazione mia personale e del nostro popolo per la partecipazione del Ministro dell’Interno ai lavori congressuali - ha dichiarato Angelo Testa-  a dimostrazione della sua sensibilità ai problemi della nostra professione". Applausi ripetuti quando Salvini ha elogiato il ruolo dei Medici e li ha rassicurati sul suo impegno per contrastare la burocrazia stupida in Sanità.

”Dobbiamo sburocratizzare insieme lo sburocratizzabile- ha ribadito il leader della Lega- e vorrei lavorare con Voi per evitare di perdere tutti i Medici che stanno andando in pensione o stanno lasciando la professione e poterli sostituire. Con Voi vorrei anche scrivere la riforma della Sanità perchè possiate riavere il ruolo centrale che vi compete e già da adesso mi riprometto di essere fisicamente con Voi al prossimo congresso nazionale" ha concluso il Minsitro.