Feb 19, 2019 Last Updated 4:55 PM, Feb 12, 2019

Italia, il Paese più “bestiale” d’Europa

Visite: 62 times

È ormai risaputo che gli italiani non fanno più figli: secondo il Bilancio Demografico Istat, i bambini nati nel 2017 sono stati 458.151, il numero più basso nella storia del nostro paese.
Non ci riproduciamo, eppure non rinunciamo a sentirci un po’ “mamme” e “papà”, a riversare tonnellate di amore su di un essere (quasi) completamente dipendente da noi…magari peloso!
Sono infatti 60 milioni gli animali domestici che abitano le nostre case, di cui circa la metà sono pesci, a cui si aggiungono 13 milioni di volatili, 7 milioni di cani, 7,5 milioni di gatti (ormai sovrani del web) e poco più di 3 milioni tra piccoli roditori e rettili; questi alcuni dei numeri diffusi dall’ultimo rapporto Assalco-Zoomark, compendio annuale sul mondo dei pets, presentato lo scorso maggio in occasione di Zoomark international, il salone internazionale sui prodotti e le attrezzature per gli animali da compagnia. Stando agli stessi dati, con i suoi 50,3 pets ogni 100 abitanti, proprio l’Italia sarebbe al primo posto tra i Paesi europei per numero di animali da compagnia in rapporto alla popolazione.
La ricaduta sul mercato è evidente: si moltiplicano i grandi negozi interamente dedicati ai nostri amici più o meno piccoli e, oltre al classico cibo industriale e agli accessori strettamente necessari (ciotole, spazzole, lettiere ecc), propongono gelati e torte di compleanno per cani, cappottini degni di una sfilata di alta moda, collari simili a collier, tiragraffi per gatti degni di un’architettura futuristica e tanto altro ancora.
Tutto effimero, tutto costoso, tutto incredibilmente attraente per i proprietari, più che per le bestiole.
E così la pet economy supera i 2 miliardi di euro e crescono sempre più anche le prestazioni veterinarie, ormai incluse nella dichiarazione dei redditi.
Già, perché pur di vedere il nostro amico a quattro zampe vispo e in salute saremmo pronti a spendere un patrimonio…ma, come vedremo, proprio i veterinari consigliano di prestare un po’ di attenzione in più ai propri pets e seguire qualche piccola regola di prevenzione per avere animali più sani e portafogli meno vuoti.