Apr 05, 2020 Last Updated 4:36 PM, Mar 31, 2020

Quotidiano della Salute

30-03-2020 Hits:83

REGIONE LAZIO - In 6.317 escono dalla quarantena

CORONAVIRUS: D'AMATO, ‘OGGI 208 I CASI, I DECESSI SONO 14, RECORD DI GUARITI 59 NELLE ULTIME 24H, IN 6.317 ESCONO DA QUARANTENA, PER PRIMA VOLTA TREND SCENDE SOTTO A 8%, L’ATTENZIONE DEVE ESSERE RIVOLTA ALLE CA...

Leggi tutto

30-03-2020 Hits:86

Coronavirus e altre patologie infettive, dall'Italia corso di formazione per milioni di medici cinesi

Coronavirus e altre patologie infettive, dall'Italia corso di formazione per milioni di medici cinesi

Percorso formativo sviluppato da Intermeeting in collaborazione con l’Università di Padova e disponibile online sul sito del Ministero della Sanità Cinese Padova, 30 marzo 2020 – Intermeeting, eccellenza ital...

Leggi tutto

27-03-2020 Hits:104

Medici di famiglia disperati: “Cosa andiamo a fare dai pazienti? Per vederli morire e infettarci anche noi?”

Medici di famiglia disperati: “Cosa andiamo a fare dai pazienti? Per vederli morire e infettarci anche noi?”

ROMA - 26 MARZO 2020 - Ma cosa viene a fare il medico di famiglia a casa nostra se non può effettuare tamponi e somministrare antivirali? Scollegati dall’ospedale e senza piani terapeutici come si fa a lavora...

Leggi tutto

27-03-2020 Hits:61

Allarme soldi: l’euro preoccupa

Allarme soldi: l’euro preoccupa

Superlavoro per la Fiduciaria Marche che garantisce ogni tipologia di intervento economico e finanziario anche sui mercati esteri La situazione economica drammatica ed i peggioramenti futuri previsti dagli e...

Leggi tutto

26-03-2020 Hits:67

REGIONE CAMPANIA - "SUD: A UN PASSO DALLA TRAGEDIA IL GOVERNO AGISCA SUBITO"

Si trasmette in allegato la lettera inviata questa mattina dal Presidente Vincenzo De Luca al Presidente del Consiglio, al Ministro della Salute, al Ministro degli Affari Regionali e al Ministro per il Sud.Ecco...

Leggi tutto

26-03-2020 Hits:42

Clinica Villa Jolanda – Neomesia: nuovo numero di “The Passenger”

Clinica Villa Jolanda – Neomesia: nuovo numero di “The Passenger”

Quando gli ospiti diventano scrittori e giornalistiGli ospiti della Clinica Villa Jolanda di Maiolati Spontini tornano ad essere scrittori e giornalisti e, in questi giorni, è pronto il nuovo numero del giornal...

Leggi tutto

25-03-2020 Hits:48

Ancad e Unidi insieme a fianco del Dentale per un comune impegno alla ripresa del settore

Ancad e Unidi insieme a fianco del Dentale per un comune impegno alla ripresa del settore

25 marzo 2020 – ANCAD, Associazione Nazionale Commercio Articoli Dentali, e UNIDI, Unione Nazionale Industrie Dentarie Italiane, fanno appello allo spirito di responsabilità di tutti affinché presto, ...

Leggi tutto

24-03-2020 Hits:54

REGIONE LAZIO - Consegnate 31.450 mascherine

ROMA - 24 MARZO 2020 - “Si sta facendo uno sforzo senza precedenti per consentire agli operatori di lavorare in sicurezza. Oggi sono state consegnate 31.450 mascherine FFP2 e domani sono in consegna ulteriori 3...

Leggi tutto

24-03-2020 Hits:51

REGIONE LAZIO - Attivate misure a favore della liquidità di imprese per 450 milioni di euro

“Oggi è un giorno molto importante abbiamo varato un primo pacchetto di misure, che abbiamo chiamato ‘Pronto Cassa’ per sostenere il fabbisogno di liquidità dei liberi professionisti e delle micro, piccole e me...

Leggi tutto

24-03-2020 Hits:41

REGINE LAZIO - Leodori, "Pronto-cassa" a burocrazia-zero

“Il Piano Pronto-Cassa varato dalla giunta Zingaretti è solo il primo scudo finanziario che la Regione mette in atto per il sistema d’imprese e il mondo delle partite Iva del Lazio per contrastare gli effetti d...

Leggi tutto

24-03-2020 Hits:24

REGIONE LAZIO - Giunta vara piana "Pronto Cassa", no burocrazia

ROMA- 24 MARZO 2020 - Dalla Regione Lazio una prima risposta alle difficoltà economiche generate dall’emergenza Coronavirus. La Giunta Zingaretti ha approvato il provvedimento con cui vengono messe in campo del...

Leggi tutto

24-03-2020 Hits:19

REGIONE LAZIO - Firmato protocollo. 8 milioni di euro per vaccino contro Covid19

ROMA - 24 marzo 2020 - E’ stato firmato oggi il protocollo d’intesa tra il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, il ministro della Salute, Roberto Speranza, il ministro dell’Università e della Rice...

Leggi tutto

24-03-2020 Hits:34

REGIONE LAZIO - Unità di crisi per Casa di Riposo Giovanni XXIII

ROMA - 24 marzo 2020 - Ad oggi positivi 13 anziani e 5 operatori. Stanotte decesso di un'anziana e un anziano ricoverato. “E’ stata predisposta l’Unità di Crisi per la Casa di riposo Giovanni XXIII in via Galef...

Leggi tutto

24-03-2020 Hits:32

REGIONE LAZIO - Cassa in Deroga, Di Berardino “Domani incontro con parti sociali per condivisione accordo quadro"

ROMA 23 marzo 2020 - “Abbiamo convocato per domani pomeriggio una nuova riunione del tavolo con tutte le parti sociali per la definizione delle linee guida sull’uso delle risorse per la cassa integrazione in de...

Leggi tutto

23-03-2020 Hits:43

Covid 19. Non lasciamo soli nelle case i nostri anziani

Covid 19. Non lasciamo soli nelle case i nostri anziani

Il Municipio IX di Roma chiede all’Associazione Alberto Sordi di organizzare subito un progetto di assistenza  domiciliare L’Associazione Alberto Sordi Onlus ha ricevuto incarico dal Municipio IX di Roma di ...

Leggi tutto

19-03-2020 Hits:93

REGIONE LAZIO - OGGI 99 CASI E 6 I DECESSI

CORONAVIRUS: D'AMATO, ‘OGGI 99 CASI E 6 I DECESSI, DATI ANCORA COSTANTI MA CI ASPETTIAMO AUMENTO NEI PROSSIMI GIORNI’TERMINATA VIDEOCONFERENZA TASK-FORCE, GIA’ OLTRE 5 MILA PAZIENTI E 600 MEDICI HANNO SCARICATO...

Leggi tutto

19-03-2020 Hits:89

Emergenza Covid-19: i posti letto Anni Azzurri, Santo Stefano Riabilitazione e Villa dei Pini a sostegno della sanità pubblica

Emergenza Covid-19: i posti letto Anni Azzurri, Santo Stefano Riabilitazione  e Villa dei Pini a sostegno della sanità pubblica

Come da richiesta del Servizio Sanitario Regionale per affrontare l’emergenza che si è venuta a creare a seguito dell’epidemia Covid-19, Residenze Anni Azzurri, Santo Stefano Riabilitazione e Villa dei Pini m...

Leggi tutto

18-03-2020 Hits:57

REGIONE LAZIO. Nuova ordinanza che integra le disposizioni relative agli orari delle attività commerciali

REGIONE LAZIO. Nuova ordinanza che integra le disposizioni relative agli orari delle attività commerciali

Esentati da limiti di orario edicole, benzinai e distributori automatici. Possibilità per i sindaci dei piccoli Comuni in cui ci sono pochi esercizi commerciali di anticipare gli orari di apertura18/03/2020 -...

Leggi tutto

La reumatologia dal bambino all'adulto: al Gaetano Pini il 1° Progetto nazionale per una migliore gestione dei pazienti

Visite: 305 times

Buone notizie per gli oltre 5 milioni di italiani con malattie reumatiche (di cui il 75% donne): stessi sintomi, stesse modalità ma senza distinzione di età.
Cambia la gestione delle malattie reumatiche grazie al 1° progetto nazionale per la migliore continuità clinica del paziente da 0 a 100 (anni). Si chiama “Da zero a cento” il primo e unico progetto nazionale di reumatologia in grado di gestire e accudire pazienti di tutte le età sotto l'unico tetto del Presidio Ospedaliero Gaetano Pini di Milano. A vantaggio di una gestione più consapevole e autonoma dopo l'adolescenza, una maggiore continuità di cura e di informazioni cliniche e psicologiche. Con un occhio molto attento alla ricerca e alla diagnosi precoce in tempi decisamente più rapidi

Negli over 60 la più frequente forma reumatologica è l’artrosi (più di 4 milioni di pazienti), per gli under 50 l’artrite reumatoide (0,5%) e per i giovani sotto i 16 anni l’artrite idiopatica giovanile (incidenza di 1 a 1000). Come un cerchio che si chiude, i principali segni di una malattia reumatica toccano tutte le fasce di età con gli stessi sintomi: rigidità al mattino, impaccio nei movimenti, zoppia, non sempre dolore. E la peculiarità è che colpiscono nello stesso modo tutte le età.
È questo il contesto in cui si inserisce il progetto di reumatologia “Da zero a cento”, grazie alla lungimiranza e all’azione dell’Istituzione  dei due fondatori e promotori a latere dell'incontro organizzato dalle due unità operative di reumatologia (clinica e dell'età evolutiva) dell’ASST Gaetano Pini-CTO e dell'Università di Milano.

“La reumatologia “Da zero a cento” è un progetto, unico nel suo genere in Italia, che oggi diventa realtà. Ha come obiettivo quello di prendere in carico i pazienti affetti da malattie reumatologiche seguendoli con continuità clinica nella gestione e nell’accudimento del paziente dall'anno zero, appunto, fino al'età avanzata (come cento anni), nella stessa struttura ad alta specializzazione – spiega Roberto CAPORALI, Responsabile dell’Unità Operativa Complessa di Reumatologia Clinica, ASST Gaetano Pini-CTO di Milano - Sono dunque due le anime: quella della cura dei bambini e quella della cura degli adulti, dove abbiamo messo tutta la nostra esperienza, quella del Gaetano Pini di Milano come ospedale e dell’Università di Milano”.
Un bambino che entra nel Progetto “Da zero a cento” potrà ora contare non solo su un team multidisciplinare di esperti (dagli ortopedici agli oculisti), coordinato dal reumatologo pediatra, ma anche sulla continuità di cure, di condivisione delle informazioni cliniche e psicologiche che lo riguardano fino all’età adulta e anche dopo.

“Stiamo dando una svolta al problema del momento della transizione in modo indolore, evitando interruzioni e rivoluzioni di struttura e di riferimenti - continua Rolando CIMAZ Responsabile Unità Operativa Complessa di Reumatologia Pediatrica, ASST Gaetano Pini-CTO di Milano  - Il ragazzo che diventa adulto di solito si trova spiazzato, perché per la sua malattia passa repentinamente dalla gestione dei genitori a una gestione più autonoma della malattia. Anche le terapie possono cambiare, come i referenti, che di solito sono in un altro ospedale rispetto a quello di riferimento pediatrico, e sarà poi il medico di base, che non è sempre preparato in questo campo così specialistico, a diventare il nuovo “pediatra”. Una rivoluzione che spesso porta a diagnosi ritardate (dai 6 mesi all’anno e mezzo di media), ma anche all’abbandono delle terapie in atto”.
Si calcola che, se non curate adeguatamente e in tempo, in 10 anni la metà delle forme più gravi portano a invalidità permanente. Nel caso dell’artrite reumatoide, l’inabilità nelle mansioni giornaliere e nel lavoro colpisce il 50% dei pazienti, e una persona su 5 dovrà sottoporsi a un intervento per protesi articolare. “E’ strettamente fondamentale che la diagnosi arrivi il più presto possibile, e una struttura come la nostra ha anche questo compito – precisa Caporali - Il nostro obiettivo è la diagnosi sotto il ritardo medio attuale, quindi sotto i 6 mesi: puntiamo a entro i 3 mesi. Anche perché le malattie reumatiche hanno un andamento evolutivo cronico e possono portare alla disabilità. La diagnosi precoce è fondamentale ed è un obiettivo primario del progetto da zero a 100”.

In media i ritardi delle diagnosi variano dai sei mesi all’anno e mezzo, per una serie di motivi legati alla complessità di queste malattie e alla transizione fra pediatra e medico di base che crea un “vuoto” anche diagnostico. “La transizione, ovvero il passaggio dall’età pediatrica a quella della maggiore età ha un impatto psicologico pesante sui ragazzi e sulle famiglie - spiega Silvia OSTUZZI, Responsabile Progetti ALOMAR
(Associazione Lombarda Dei Malati Reumatici)- Avere un riferimento unico e una continuità nel tempo è un vantaggio enorme. Noi come Associazione affianchiamo il progetto sul campo, con informazione, aiuto e supporto a tutte le persone affette da malattie reumatiche, da zero a 100 anni. Ci sentiamo a tutti gli effetti parte del team”. “Sono molti i giovani pazienti che possono soffrire per mesi prima che venga fatta loro l’esatta diagnosi e prescritta una cura efficace – precisa Valeria GERLONI, Presidente ARG (Associazione Artrite Reumatoide Giovanile) – Il nostro impegno è a fianco dei genitori, pediatri e insegnanti per evitare che possano scambiare i primi sintomi dell'artrite idiopatica giovanile (es. presenza di dolore e/o tumefazione persistente, la cadenza mattutina del dolore, dito o ginocchio gonfio, difficoltà motoria che migliora con il movimento) per dolori postumi di un gioco, sottovalutando la necessità di indagini approfondite”.
Esiste anche una responsabilità dei familiari di pazienti in età avanzata che pensano che l'artrite sia una normale conseguenza della vecchiaia. “Non è così, ed è un vero peccato, perché si può fare molto per i sintomi, per il decorso di queste malattie e per la qualità di vita, soprattutto per l’artrite reumatoide. E oggi abbiamo soluzioni terapeutiche nuove – conclude Caporali – Un intervento su questa patologia porterebbe vantaggi anche sulla spesa complessiva che in Italia supera i 4 miliardi di euro l’anno, dei quali la metà sono in perdita di produttività per malattia sul lavoro. L’artrite reumatoide è responsabile ogni anno di oltre 13 milioni di giornate di assenza dal lavoro, con un costo di circa un miliardo e mezzo l’anno in perdita di produttività si sfiora il miliardo di euro”.

I due team così concepiti e organizzati, oltre a curare i pazienti a stretto contatto, sono anche nelle condizioni di studiare e produrre ricerche insieme. “Uno dei campi su cui concentreremo i nostri sforzi sarà proprio quello dello studio delle differenze e delle concordanze fra diverse età in campo terapeutico – conclude Caporali - Vogliamo anche capire perché le donne si ammalano di più, dato che ad oggi non ci sono spiegazioni definitive: la teoria che si basa sugli assetti ormonali femminili è solo un’ipotesi, dobbiamo capire di più”. Il progetto “Da zero a cento” è operativo: basta prenotare una visita presso il Presidio Ospedaliero Gaetano Pini di Milano per entrare nel “sistema” ad alta specializzazione che accompagnerà il paziente per tutta la vita.

 

Fonte: Ufficio Stampa ASST Gaetano Pini-CTO