Oct 20, 2019 Last Updated 9:46 AM, Oct 18, 2019

LA SALUTE PARTE DALLA BOCCA

Visite: 279 times

 

Tante sono le patologie che direttamente o indirettamente sono collegate con lo stato della salute orale:
diabete, malattie cardiovascolari, malattie dell’apparato gastroenterico (cattiva digestione), studi scientifici hanno dimostrato anche una correlazione tra parodontite e parto prematuro.
Una delle patologie più subdole e che ha una stretta correlazione con alcune malattie sistemiche è la parodontopatia o parodontite.
La parodontite, comunemente conosciuta con il nome di piorrea, è una vera e propria patologia che troppo spesso viene sottovalutata o ignorata. Essa si manifesta con sanguinamento spontaneo delle gengive o durante lo spazzolamento, alitosi, denti che sembrano più lunghi in quanto le gengive si ritirano e si abbassano. La causa della parodontite è la presenza di batteri all’interno della bocca, i quali nelle persone suscettibili e predisposte possono determinare danni molto gravi. I batteri si nutrono di residui di cibo che non vengono adeguatamente rimossi dalla nostra bocca dopo i pasti.
Il ministero della salute certifica che la malattia parodontale colpisce circa il 60% della popolazione, di cui il  10% manifestano forme avanzate. Vengono particolarmente colpiti gli individui compresi nelle fasce di età tra i 35 e i 46 anni.
Le principali cause sono:
a) suscettibilità dell’ospite (ereditarietà)
b) fattori ambientali
C) fattori comportamentali
Il dente può essere paragonato ad un albero con le sue radici immerse nella terra, a causa delle condizioni atmosferiche, il terreno se viene danneggiato piano piano l’albero perde la sua stabilità, ugualmente la radice del dente è immersa nella gengive e nell’osso perde la sua aderenza.
La parodontite determina il riassorbimento dei tessuti di supporto che mantengono stabili i denti. La parodontite si manifesta inizialmente sotto forma di gengivite per poi, se non adeguatamente trattata, evolvere in parodontopatia o piorrea. È dunque opportuno prestare attenzione a:
- Infiammazione delle gengive;
- Sanguinamento delle gengive;
- Tumefazione delle gengive;
- Sensibilità delle gengive;
- Alitosi;
- Recessione gengivale;
- Aumento di spazio tra i denti;
- Denti che si muovono;
- Perdita dei denti.
Oggi non è possibile tentare di controllare la parodontite senza considerare lo stato di salute nella sua integrezza e al contempo le abitudini dei singoli pazienti.
La malattia parodontale influisce negativamente su tutto il corpo, essa ha una stretta correlazione con il diabete e altre malattie sistemiche sopra menzionate. La parodontite può essere anche un segno iniziale di patologia diabetica, poiché la prevalenza delle parodontite in soggetti diabetici è il doppio o il triplo rispetto ai soggetti non diabetici.
Controllare il diabete è molto più complicato quando il paziente è affetto da parodontopatia. I pazienti che soffrono di parodontite e in contemporanea di diabete hanno maggior probabilità di sviluppare complicazioni di patologie cardiovascolari, renali e retinopatie. Il sanguinamento delle gengive non è MAI da sottovalutare poiché non rappresenta la normalità e andrebbe sempre fatto controllare da uno specialista. Il rischio non è solo la perdita dei denti ma di influenzare con altre patologie la salute dell’individuo.
La situazione si presenta complessa con il fatto che parodontite, malattie cardiovascolari, controllo metabolico del diabete e complicazioni ostetriche condividono importanti fattori di rischio.
Oltre all’igiene personale, spazzolamento regolare e pulizia del cavo orale , si consiglia controlli periodici dallo specialista poiché se adeguatamente trattata si può arrestare la progressività della malattia, stabilizzare il livello osseo, diminuire i sintomi fastidiosi, evitando infine la perdita dei denti.
Un esempio per tutti: nei pazienti diabetici un controllo costante della malattia, migliora sensibilmente i livelli glicemici e fa in modo di assumere meno farmaci.