Nov 19, 2017 Last Updated 12:07 PM, Nov 17, 2017

Musica: la Cina sceglie Fabriano

Visite: 175 times

“La Musica comunica… e parla una lingua universale: avvicina le Nazioni ed unisce i Popoli”.

Con queste parole è iniziato il discorso di benvenuto del Presidente dell’Accademia dei Musici l’Arch. Valerio Veneri ed il Sindaco di Fabriano Dott. Gabriele Santarelli, parole che hanno da subito cementato il senso della visita della Delegazione Cinese SINO – ITALIAN CULTURAL CENTER e la TONGJI UNIVERSITY di SHANGHAI.

 Per l’occasione, preziosa, che ha visto ancora una volta protagonista la città di Fabriano proprio attraverso la sua Accademia dei Musici, sono convenuti nella “Sala Teatro” del Museo del Pianoforte Storico e del Suono importanti personalità del mondo della politica internazionale, il Vice Console della Repubblica Popolare Cinese Yang Jinleng e il Presidente della Associazione Italia – Cina – Cultura e Impresa Sung Guang.

Sua Eccellenza il Vescovo di Fabriano Mons. Stefano Russo, l’On. Deputato Parlamentare Patrizia Terzoni ed il Commissario di Polizia Sandro Tommasi hanno fatto gli “onori di casa” ai Professori universitari cinesi, che sono stati salutati anche dal Vicesindaco di Jesi Luca Butini.

Accademia dei Musici ha sognato e realizzato un’innovativa Università d’Arte e Scienza, di Musica, Medicina e Tecnologia: corsi universitari per cantanti e per pianisti, proprio per coniugare la Didattica di Specializzazione Musicale con le Discipline Scientifiche dell’Anatomia e Fisiologia del corpo umano e la Meccanica e la Fisica Acustica.

Ulteriore innovazione, le esibizioni artistiche “Performing Art”, offrendo finalmente agli studenti una “palestra” ed un “trampolino di lancio” artistici, dotando così il territorio regionale e nazionale di concerti, spettacoli e opere liriche in una sorta di festival continuativi in spazi teatrali vari e diversi.

 Accademia dei Musici ha creduto fortemente in questo progetto, dedicandosi ad un lavoro che è durato più di due anni e nel quale ha saputo costruire relazioni e collaborazioni con le università cinesi della regione dell’Henan (Kaifeng) e della città di Shanghai, realizzando accordi e convenzioni con le Università delle Marche ed i Conservatori di Musica.

 Nascono così, per pianisti e per cantanti, master universitari di I e II livello annuali e biennali, corsi annuali preparatori di avviamento alle lauree di I e II livello nei conservatori statali di musica, corsi annuali liberi di “Performing Art”, corsi estivi “Summer School”.

Dedicati a studenti e professionisti musicisti di tutto il mondo, quindi italiani e stranieri, questi corsi saranno realizzati nelle due sedi di Accademia dei Musici: nella città di Fabriano la didattica storica, proprio nel Complesso Monumentale San Benedetto, e nella città di Jesi la didattica moderna, nel Palazzo Honorati – Carotti.

 “Non ci siamo fatti spaventare da regolamenti e burocrazie – ha dichiarato l’Arch. Veneri - siamo stati tenaci e non abbiamo desistito neanche quando, durante il percorso di attuazione, abbiamo incontrato ostacoli, difficoltà e raccolto anche critiche e scetticismi…Insieme agli amici che ci hanno aiutato e sorretto con professionalità e dedizione, abbiamo perseverato e, alla fine, siamo riusciti a dare attuazione al progetto. Ad UNICAM Università di Camerino va il nostro speciale pensiero in quanto, con questo sodalizio, conferma di essere uno degli atenei più impegnati sul fronte della internazionalizzazione e della apertura di ponti culturali”.

 La Delegazione Cinese SINO – ITALIAN CULTURAL CENTER e la TONGJI UNIVERSITY di SHANGHAI, è stata festeggiata con una cena di gala insieme alle Autorità, nello storico “Salone dei Ricevimenti” di Palazzo Moscatelli, già dall’ 800 luogo di accoglienza di tutti i Grandi Musicisti che si esibivano al Teatro Gentile da Fabriano.