Sep 24, 2018 Last Updated 3:22 PM, Sep 21, 2018

Tutti insieme contro le malattie cardiovascolari

Visite: 144 times

Le malattie del cuore sono diventate una vera e propria ‘pandemia’ e i numeri lo dimostrano: interessano uomini e donne, seppur con un impatto e con tempo diversi per una diversità fisiologica di genere: l’incidenza è pari al 13,7% fra le donne con 75 anni e più, al 6,3% nella fascia d’età 65-74 anni, al 3,4% nella fascia 60-64 anni (dati Istat 2016); negli uomini l’incidenza è del 21% dai 75 anni in su, è del 12,7% nella fascia d’età 65-74 anni e del 7,4% nella fascia 60-64 anni (dati Istat 2016).

Se le cure, da seguire con costanza, sono importanti, la prevenzione lo è ancora di più tra i soggetti sani. E su una prevenzione ‘personalizzata’ si sono confrontati i massimi esperti del cuore italiani in occasione del 16esimo Congresso Nazionale Siprec (Società italiana per la prevenzione cardiovascolare) che si è tenuto a Napoli dall'8 al 10 marzo. L'evento ha riunito dieci tra società scientifiche ed enti di ricerca che in quell'occasione hanno messo a punto il primo documento di ‘Consenso e Raccomandazioni pratiche di Prevenzione Cardiovascolare’ coordinato dal professor Massimo Volpe, presidente Siprec. Si tratta quindi di un documento intersocietario che rappresenta una call to action per una lotta a tutto tondo contro le patologie cardiovascolari, principale causa di morte nel mondo occidentale.  Prevenzione al primo piano, con i consigli di una task force di esperti italiani, che hanno stilato raccomandazioni di prevenzione ritagliate su misura per gli italiani, disegnando al contempo una roadmap che mira a coinvolgere nel dialogo sulla prevenzione anche la politica italiana ed europea. L’obiettivo è quello di abbattere l’incidenza delle malattie cardiovascolari e di regalare agli italiani non solo anni di vita in più, ma anni da godere in salute. Il documento ha visto la collaborazione di 10 tra società scientifiche ed enti di ricerca: SIPREC (Società Italiana di Prevenzione Cardiovascolare), SIMI (Società Italiana di Medicina Interna), SID (Società Italiana di Diabetologia), SIIA (Società Italiana dell’Ipertensione Arteriosa), SISA (Società Italiana per lo studio dell’aterosclerosi), SIF (Società Italiana di Farmacologia), CNR (Consiglio Nazionale della Ricerche), FMSI (Federazione Medico Sportiva Italiana), GICR-IACPR (Gruppo Italiano di Cardiologia Riabilitativa – Italian Association for Cardiovascular Prevention, Rehabilitation and epidemiology), SITI (Società di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica).