Mar 18, 2019 Last Updated 11:58 AM, Mar 18, 2019

Villa Margherita, oltre la geriatria

Visite: 89 times

 

Parla l’AD di Kos Care Enrico Brizioli (nella foto), offrendoci l’occasione di conoscere la più recente struttura entrata a far parte del Gruppo: Villa Margherita

“Villa Margherita è un’acquisizione recente da parte del Gruppo Kos, uno dei maggiori in Italia sull’assistenza sanitaria”.
A parlare è l’amministratore delegato di Kos Care, Enrico Brizioli che incontriamo nella sede di Porto Potenza Picena, nelle Marche. L’operazione ha portato tale complesso, davvero notevole come struttura architettonica di grande impatto e bellezza, a far parte integrante di Kos nell’ambito del suo programma di sviluppo che prosegue in modo costante.

Villa Margherita è una struttura riabilitativa multispecialistica (neurologica, cardiologica, psichiatrica) che rappresenta una vera eccellenza nella cura innovativa del Parkinson, anche in virtù della collaborazione con la Fresco Foundation che supporta un progetto internazionale, coordinato dalla New York University e del quale il dr. Daniele Volpe, primario del reparto di Riabilitazione Neurologica di Villa Margherita è Direttore Scientifico e amministratore.

“La sfida di un approccio terapeutico “globale” per il Parkinson rappresenta la nuova frontiera su cui il Santo Stefano intende impegnare crescenti energie, integrando, come Hub di una rete nazionale, l’intera struttura di Villa Margherita.

Il Centro di Villa Margherita ad Arcugnano è un polo di riferimento italiano per la cura del Parkinson, punta di diamante per tutto il gruppo Kos che inserisce quest’ultimo e più recente investimento per l’assistenza sanitaria, nell’ambito della più ampia rete di strutture fatta da centri e ambulatori specializzati in diversi rami assistenziali diversificati per ogni patologia, e non solo per la terza età”. “Finalmente – ha detto Brizioli – a Villa Margherita grazie ad un’equipe di medici altamente specializzati, siamo in grado di curare un paziente non solamente a livello geriatrico. Al di là delle esigenze neurologiche, delle carenze di dopamina o della necessità di cure personalizzate, infatti, qui siamo in grado di assistere il paziente a 360 gradi, anche dal punto di vista dell’attività fisica e motoria, dell’alimentazione, di un’attenzione alla persona che va ben al di là della semplice terapia di base”.